Skip to content

Critica cinematografica:

Appunti per l'esame di Storia e metodologia della critica cinematografica. Grazie a diversi contributi e recensioni, si cercano di spiegare le funzioni della critica cinematografica. Viene affrontato un percorso metacritico in cui la critica cinematografica viene definita, sia come luogo di interpretazione, sia come dispensa di nuovi significati. Secondo queste due concezioni, la critica viene infatti intesa, a seconda dei casi, come un’immagine, e per questo percepita come riflesso del testo, oppure come una pratica, e quindi percepita come re-inaugurazione del testo. Nel testo viene spiegato e affrontato questo contrasto.

Indice dei contenuti:

1. Il modello di attività critico - applicativa 2. Marcello Walter Bruno, la morte del cinema 3. L'autoriflessività, Marcello Walter Bruno 4. La critica di Marcello Walter Bruno 5. Paolo Cerchi Usai ei discorsi sul cinema 6. Gianni Canova : Contro la cinefilia 7. Roberto Pugliese: la difesa della critica cinematografica 8. Flavio De Bernardis : "Il falò delle verità" 9. Marcello Walter Bruno e il metacinema 10. La seconda fase della critica cinematografica 11. Definizione di dripping movie 12. Dante Albanesi, la critica come letteratura 13. Il modello di critica cinematografica modernista 14. Le caratteristiche dell'espressione critica cinematografica 15. Bruno De Marchi, la critica come espressività della cultura 16. La critica come sistema di conoscenza 17. Filiberto Menna, la critica della critica 18. Le funzioni principali della critica cinematografica 19. Un'indagine pragmatista sulla critica cinematografica 20. Il metodo archeologico della critica 21. La critica come istituzione 22. Il ruolo del critico cinematografico 23. I mezzi espressivi della critica cinematografica 24. La differenza tra critica specializzata e quotidianistica 25. La funzione-stacco della critica 26. Le riflessioni sulla critica di David Bordwell 27. Il processo di interpretazione della critica 28. Il reperimento dei significati da parte del critico 29. I campi di relazione semantica della critica 30. Il percorso di interpretazione del critico cinematografico 31. La riflessività come atto interpretativo della critica 32. La nozione di riflessività 33. La realzione semantica in un film, Bordwell 34. L'interpretazione semantica del testo 35. I modelli standard di correlazione della critica 36. La nozione di genere nella critica 37. Gli schemi di personificazione del critico 38. La figura dell'autore in campo critico 39. Sarris e Rivette: la nozione di autorialità 40. I compiti del critico nell'attività interpretativa 41. Kuhn e il concetto di scienza normale 42. Le teorie e i paradigmi del critico 43. Il sistema di codici funzionanti in un film 44. L'immaginario dell'analisi testuale 45. Odin e la relazione tra analisi e teoria 46. Il rapporto tra critico e lettore 47. Lo spetttaore come agente attivo del film 48. Il ruolo dello spetttaore empirico 49. Casetti e l'immagine dello spettatore 50. L'identità degli elementi cinematografici 51. I campi di azione della critica specializzata 52. Le caratteristiche dell'interepretazione critica 53. I modelli di analisi di un film 54. La teoria dell'interpretazione letteraroa di Fish 55. Il critico e la crisi della testualità 56. La morte della critica cinematografica

 

Dettagli dei contenuti:

  • Autore: Nicola Giuseppe Scelsi
    [Visita la sua tesi: "A - Menic / Cinema. Da Dada al Progetto Cronenberg"]
  • Università: Università degli Studi di Bologna
  • Facoltà: Lettere e Filosofia
  • Corso: Discipline dell’Arte, della Musica e dello Spettacolo
  • Esame: Storia e metodologia della critica cinematografica
  • Docente: Franco La Polla
  • Titolo del libro: Il linguaggio della critica cinematografica
  • Autore del libro: Claudio Bisoni
  • Editore: Revolver Libri
  • Anno pubblicazione: 2003

Per approfondire questo argomento:

Altri appunti correlati:

Valuta questo appunto:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.