Il tribunale del riesame

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Lucia Marinelli Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 19700 click dal 28/01/2005.

 

Consultata integralmente 33 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Il tribunale del riesame e' un istituto creato dal legislatore per far fronte a quella esigenza di sottoporre ad un controllo esterno, non solo di legittimita' ma anche di merito, i provvedimenti restrittivi della liberta' personale, caratterizzato da tempi rapidi e da una natura pienamente devolutiva.Si inserisce nella tematica relativa ai rapporti tra liberta' personale, esigenze processuali e diritto di difesa.Partendo dall' esame delle misure cautelari personali, si passera' ad analizzare, la disciplina del tribunale del riesame. Una volta esaminati, gli aspetti evolutivi, le caratteristiche, il procedimento e i poteri riconosciuti al tribunale in tale sede, si procedera' con l' analisi degli altri mezzi di impugnazione, descrivendo le loro caratteristiche peculiari, le principali diversita' e affinita' degli stessi rispetto al riesame , ed in particolare i rapporti tra quest' ultimo e la revoca.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L’ importanza che la materia della libertà personale riveste all’interno della società civile ed in particolare in rapporto al processo penale, tanto da formare oggetto di un’ ampia e articolata tutela a livello costituzionale, dove è qualificata come diritto inviolabile (art. 13 Cost.), nonché a livello internazionale (Artt. 5 e 6 n. 2 Conv. Europea dei diritti dell’uomo e artt. 9 e 14 n. 2 Patto internazionale sui diritti civili e politici), mi ha spinto a trattare con il presente lavoro l’istituto del riesame, preposto proprio alla tutela di tale diritto. Introdotto nei primi anni ottanta, il riesame si inserisce proprio nell’ ambito della tematica relativa ai rapporti tra libertà personale, esigenze processuali e diritto di difesa. Partendo dall’esame delle misure cautelari personali, in quanto provvedimenti restrittivi della libertà personale, che rappresentano la risposta dell’ ordinamento di fronte ai pericoli (di dispersione del materiale probatorio, di fuga dell’ indagato o di reiterazione del reato) legati ai tempi dell’ accertamento, si passerà ad analizzare, la disciplina del tribunale del riesame. Trattasi di un istituto creato dal legislatore per far fronte a quell’esigenza di sottoporre ad un controllo esterno, non solo di legittimità ma anche di merito, i provvedimenti restrittivi della libertà personale, caratterizzato da tempi rapidi e da una natura pienamente devolutiva. Con l’evolversi dei sistemi processuali verso schemi sempre più accusatori, infatti, la preoccupazione di giustificare la restrizione di libertà ante iudicatum e di apportare particolari garanzie nei confronti del soggetto sottopostovi, è divenuta via via più pressante. Il codice di procedura penale del 1988 ha conservato l’istituto del riesame, istituito nel 1982 con la legge n. 532, nonostante il totale cambiamento del procedimento di applicazione delle misure cautelari personali rispetto a quello vigente in precedenza. Il legislatore del 1988, collocando l’istituto all’interno del Libro IV, titolo I, capo VI del codice di rito, dedicato alle impugnazioni de libertate, ha conferito allo stesso la natura di mezzo di impugnazione, sebbene la sua disciplina, come verrà in seguito evidenziato, presenti indubbi profili di atipicità.