Gli eventi aggregativi: il caso Disneyland Paris

Laurea liv.I

Facoltà: scienze turistiche

Autore: Giorgia Acquati Contatta »

Composta da 139 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1875 click dal 05/01/2009.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

La tesi discute il ruolo del turismo congressuale e degli eventi aggregativi all'interno di parchi di divertimento. Viene analizzato soprattutto il caso Disneyland Paris.

Mostra/Nascondi contenuto.
Gli eventi aggregativi: IL CASO DISNEYLAND PARIS INTRODUZIONE La parola congresso, deriva dal latino congressus, che significa camminare insieme, incontrarsi, riporta all’essenza di qualsiasi momento aggregativo, indipendentemente dalle sue varie tipologie e finalità. Per potersi incontrare è quindi necessario recarsi in un luogo in cui soddisfare specifiche necessità dell’evento a cui si partecipa. I congressi e gli eventi aggregativi vengono considerati ed inquadrati come elemento di comunicazione all’interno di una strategia più ampia e complessa, oltre che costituire uno dei segmenti più importanti di turismo. Influenzano quindi l’economia, la politica e la gestione del territorio ospitante, sulla quale producono modifiche, oltre ad avere implicazione in campi come quello legislativo e del marketing. Comunicare è un’esigenza primaria per l’individuo e tutte le varie forme di comunicazione si sono sviluppate nei secoli in parallelo con l’evoluzione della civiltà organizzata. La tecnologia e i media hanno aiutato notevolmente la diffusione dei mezzi di comunicazione. I congressi e gli eventi aggregativi sono un fenomeno relativamente giovane in Italia, sviluppatosi come settore specifico tra gli anni 60 e 70. Il settore ha avuto da questo momento una forte crescita dovuta soprattutto al costante bisogno di incontro e confronto grazie all’evoluzione dei mezzi di comunicazione e alle interdipendenze economiche e politiche a livello globale. La crescita del settore e la globalizzazione hanno portato alla nascita dell’industria dei congressi alla quale parteciparono molti attori di diversa tipologia e ruolo. Da un lato, vi sono operatori che lavorano solo marginalmente nel settore dei congressi come le agenzie di viaggio e le imprese alberghiere, e dall’altro imprese produttrici di congressi, enti proprietari dei palazzi dei Congressi ed imprese che forniscono materiale e servizi di carattere tecnico. I PCO ( Professional Congress Organizer) rivestono notevole importanza nella gestione specializzata dei congressi e della loro organizzazione. Si delinea quindi il formarsi di un vero e proprio “sistema congressuale” , di cui il PCO rappresenta l’impresa guida. Anche il ruolo dei Convention Bureau presenti nelle città è fondamentale, in quanto ha la funzione di promuovere il territorio come destinazione per il turismo congressuale. La crescita degli eventi aggregativi ha portato ad un aumento della produzione e di conseguenza ad un numero maggiore di congressisti e di pernottamenti, interessando 3