Powerline communication: potenzialità e criticità del sistema, tecnologie attuali e prospettive di sviluppo future

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Mauro Giacomelli Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10849 click dal 21/01/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Questo lavoro si pone l’obiettivo di analizzare la tecnologia di trasmissione di segnali basata sulle onde convogliate o powerline communications (PLC), che sfrutta le linee elettriche come mezzo trasmissivo, sovrapponendo al trasporto di potenza elettrica in bassa frequenza, segnali a frequenza più elevata nei quali vengono codificate le informazione da trasmettere.
Per poter comprendere a pieno i vantaggi derivanti dalle PLC, è bene delineare fin da ora i due possibili servizi fruibili da tale tecnologia: trasmissione a banda stretta, per controllo a distanza di dispositivi o di sistemi domestici; trasmissione a banda larga, per l’accesso alle reti di telecomunicazione o per la creazione di reti locali.
La possibilità di sfruttare un mezzo già cablato per altri scopi è sicuramente, dal punto di vista economico, l’aspetto più rilevante che caratterizza il contesto PLC; inoltre, l’offerta di servizi ad alto valore tecnologico, come internet ad alta velocità, anche in zone isolate raggiunte solamente grazie alla capillarità della rete elettrica o a maggior ragione, nei Paesi in via di sviluppo, dove gli operatori di telecomunicazioni poco o nulla investono per lo scarso ritorno in termini economici, rendono socialmente rilevante l’impiego di questa tecnologia.
D’altra parte, le notevoli problematiche tecniche relative all’utilizzo di un mezzo non concepito originariamente per la trasmissione di segnali in alta frequenza, quali ad esempio, l’elevata attenuazione introdotta o l’interferenza indotta in altri dispositivi elettronici, unite alla mancanza di comuni riferimenti normativi, hanno fatto sì che il sistema PLC si sviluppasse molto al di sotto delle sue effettive possibilità.
Soltanto negli ultimi anni, il crescente sviluppo tecnologico nel campo delle telecomunicazioni, che ha portato all’utilizzo di più efficaci tecniche trasmissive, ha rivalutato il ruolo delle powerline nelle già citate applicazione a banda larga.
Partendo dalle origini del sistema PLC e soffermandoci sulle tappe più significative che hanno segnato la sua evoluzione, si delineeranno le caratteristiche fondamentali e i punti critici del sistema, per poi passare all’analisi delle tecniche trasmissive impiegate e degli standard attualmente disponibili sul mercato.
Cercando infine di mettere in luce le prospettive di sviluppo future, si valuterà la possibilità di estendere l’applicazione delle powerline su reti in corrente continua per poter realizzare anche per queste efficaci sistemi di trasmissione di informazioni caratterizzati da basso costo e notevole semplicità.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Introduzione Questo lavoro si pone l’obiettivo di analizzare la tecnologia di trasmissione di segnali basata sulle onde convogliate o powerline communications (PLC), che sfrutta le linee elettriche come mezzo trasmissivo, sovrapponendo al trasporto di potenza elettrica in bassa frequenza, segnali a frequenza più elevata nei quali vengono codificate le informazione da trasmettere. Per poter comprendere a pieno i vantaggi derivanti dalle PLC, è bene delineare fin da ora i due possibili servizi fruibili da tale tecnologia: trasmissione a banda stretta, per controllo a distanza di dispositivi o di sistemi domestici; trasmissione a banda larga, per l’accesso alle reti di telecomunicazione o per la creazione di reti locali. La possibilità di sfruttare un mezzo già cablato per altri scopi è sicuramente, dal punto di vista economico, l’aspetto più rilevante che caratterizza il contesto PLC; inoltre, l’offerta di servizi ad alto valore tecnologico, come internet ad alta velocità, anche in zone - 1 -