Erminio Macario - i film prodotti da Luigi Rovere

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Gabriele Farina Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5380 click dal 20/09/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Gabriele Farina è stato insignito del Premio Città di Torino - Domenico Carpanini grazie alla sua tesi Erminio Macario - i film prodotti da Luigi Rovere

Ed è nato VideoMarta, un videoblog dedicato ad internet e tecnologia, di cui Gabriele Farina è uno degli autori. A diffondere conoscenza in video naturalmente Marta.
Visitatelo costantemente e magari iscrivetevi al suo RSS pergchè è ricco di spunti utili.


L’obiettivo che avevo in mente era quello di puntare su un argomento legato alla città di Torino, su cui le pubblicazioni esistenti fossero limitate e che riguardasse il cinema. Questi tre punti di partenza hanno trovato il loro sfogo in occasione del centenario della nascita di Erminio Macario.
Le prime ricerche mi hanno portato a scoprire che il materiale esistente sul grande comico torinese è veramente limitato: un paio di volumi curati dal figlio Mauro, l’ottimo libro di Maurizio Ternavasio e poco altro. Per di più l’attività di Macario si è sempre svolta soprattutto sulle tavole dei palcoscenici e di conseguenza tutte le pubblicazioni che lo riguardano sono incentrate sui suoi lavori teatrali. Mi sono reso conto che le notizie sulla produzione cinematografica di Macario sono quasi inesistenti ed ho deciso che l’obiettivo del mio lavoro poteva decisamente spostarsi sui film interpretati da Erminio Macario.
Il passo successivo è stato quello di restringere il campo d’azione puntando l’attenzione su un numero limitato di film. Per fare ciò mi sono nuovamente lasciato guidare dall’obiettivo di legare il lavoro alla città di Torino ed ho deciso di occuparmi con particolare attenzione dei film prodotti da Luigi Rovere, personaggio di fondamentale importanza per il cinema del capoluogo piemontese e non solo. Riuscire ad ottenere notizie su Rovere è stato se possibile ancora più arduo che averne sui film di Macario, l’ostacolo è stato superato solo grazie all’attenta collaborazione di Lorenzo Ventavoli che, dopo avermi gentilmente aperto le porte del suo studio, mi ha anche aperto alcuni dei suoi incredibili scatoloni in cui è polverosamente custodita buona parte della storia del cinema torinese.
Il lavoro si apre con un veloce viaggio nella storia della comicità, presentando le principali teorie sul comico e sui motivi per cui il pubblico è spinto a ridere, per poi puntare l’attenzione sui maggiori comici della storia del cinema e sulle loro caratteristiche. Il secondo capitolo passa ad analizzare la comicità di Erminio Macario in quelli che sono i suoi aspetti più evidenti per poi compiere una carrellata storica su tutti i film interpretati dal comico torinese, analizzando l’evoluzione della sua comicità, l’attenzione ai problemi sociali ed il legame dei vari film con la vita del comico. Il terzo capitolo presenta la figura di Luigi Rovere attraverso i film da lui prodotti e le varie case di produzione da lui create. Dagli esordi alla Fert fino alla conclusione a Cinecittà. Nel breve capitolo successivo ho riunito i due protagonisti di questo lavoro con lo scopo di introdurre il corpo centrale della tesi. Come Macario e Rovere si sono incontrati e quali erano i loro rapporti anche fuori dal set. I capitoli seguenti passano ad analizzare i cinque film prodotti da Rovere ed interpretati da Macario: Come persi la guerra del 1947, L’eroe della strada del 1948, Come scopersi l’America del 1949, Il monello della strada del 1950, tutti diretti da Carlo Borghesio e girati a Torino e infine Due sul pianerottolo del 1976, diretto da Mario Amendola e girato a Roma. Ogni capitolo presenta un ampio riassunto della trama e affronta i temi presenti nel soggetto. Il capitolo conclusivo prova ad analizzare quanto i film di Macario possono essere ancora oggi efficaci, quanto la sua comicità ancora valida. Inoltre prova ad indicare quali tra i comici contemporanei hanno raccolto la sua eredità e provano a sviluppare quella comicità così lunare e surreale tipica di Erminio Macario.
In appendice ho cercato di riunire il più precisamente possibile le notizie tecniche di cui sono venuto in possesso nel corso delle mie ricerche. In particolare le schede dei cinque film analizzati, l’elenco dei quaranta film interpretati da Macario comprese le partecipazioni, le apparizioni ed anche un titolo mai distribuito, l’elenco dei cinquantadue film prodotti da Luigi Rovere completi dei visti di censura e delle date della prima proiezione pubblica, ed infine la riproduzione di alcuni dei documenti che mi sono serviti per la realizzazione di questo lavoro: lettere e contratti soprattutto.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 PRESENTAZIONE L’obiettivo che avevo in mente quando mi si è posto il problema di iniziare a lavorare alla mia tesi era quello di puntare su un argomento legato alla città di Torino, su cui le pubblicazioni esistenti fossero limitate e che, naturalmente, riguardasse il cinema. Questi tre punti di partenza hanno trovato il loro sfogo in occasione del centenario della nascita di Erminio Macario. Le prime ricerche mi hanno portato a scoprire che il materiale esistente sul grande comico torinese è veramente limitato: un paio di volumi curati dal figlio Mauro, l’ottimo libro di Maurizio Ternavasio e poco altro. Per di più l’attività di Macario si è sempre svolta soprattutto sulle tavole dei palcoscenici e di conseguenza tutte le pubblicazioni che lo riguardano sono incentrate sui suoi lavori teatrali. Se questi rappresentano sicuramente la parte preponderante della carriera del comico, non bisogna però dimenticare il consistente corpo rappresentato dai quaranta film interpretati. Mi sono facilmente reso conto che le notizie sulla produzione cinematografica di Macario sono quasi inesistenti ed ho deciso che l’obiettivo del mio lavoro poteva decisamente spostarsi sui film interpretati da Erminio Macario. Anche solo riuscire a recuperare l’insieme dei titoli dei film interpretati dal comico torinese è stato un lavoro arduo e ricco di insidie dato che le notizie esistenti, oltre che scarse, sono spesso anche imprecise. Il passo successivo è stato quello di restringere il campo d’azione puntando l’attenzione su un numero limitato di film. Per fare ciò mi sono nuovamente lasciato guidare dall’obiettivo di legare il lavoro alla città di Torino ed ho deciso di occuparmi con particolare attenzione dei film prodotti da Luigi Rovere, personaggio di fondamentale importanza per il cinema del capoluogo piemontese e non solo. Riuscire ad ottenere notizie su Rovere è stato se possibile ancora più arduo che averne sui film di Macario, l’ostacolo è stato superato solo grazie all’attenta collaborazione di Lorenzo Ventavoli che, dopo avermi gentilmente aperto le porte del suo studio, mi ha anche aperto alcuni dei suoi incredibili scatoloni in cui è polverosamente custodita buona parte della storia del cinema torinese. Il lavoro si apre con un veloce viaggio nella storia della comicità, presentando le principali teorie sul comico e sui motivi per cui il pubblico è spinto a ridere, per poi puntare l’attenzione sui maggiori comici della storia del cinema e sulle loro caratteristiche. Il secondo capitolo passa ad analizzare la comicità di Erminio Macario in quelli che sono i suoi aspetti più evidenti per poi compiere una carrellata storica su tutti i film interpretati dal comico torinese, analizzando l’evoluzione della sua comicità, l’attenzione ai problemi sociali ed il legame dei vari film con la vita del comico. Come ho già accennato ho tralasciato, tranne rari accenni, tutti gli aspetti riguardanti il teatro di Macario in quanto già ampiamente trattati nei lavori esistenti.