Skip to content

La razionalità degli attori aziendali nelle scelte manageriali

Fatta eccezione di imprese molto piccole, le azioni manageriali sono spesso connesse ai ruoli; cioè sono azioni eseguite "per l'impresa" o comunque con precisi obiettivi nella testa, più che per una soddisfazione personale. Il processo decisionale e l'azione di un'impresa sono spesso il risultato delle funzioni di diversi gruppi all'interno di un'impresa, sicché quell'azione di una parte dell'impresa è una funzione, in parte, dell'azione di un altro gruppo all'interno dell'organizzazione. Quindi, si può affermare che sono i "ruoli" che mediano l'incertezza e la razionalità limitata degli attori aziendali. Si è incerti dei risultati, o della particolare catena causale che si sta mettendo in moto, ma  si "agisce per la corporation" in congiunzione con molti altri, che agiscono per lo stessa serie di ragioni. Spesso la l'insieme delle politiche attuate, evolutesi dalla combinazione e permutazione di azioni primarie individuali fatte in nome di scopi impersonali, non può essere meramente identificata come la somma dei compiti individuali originali.  Questo a causa dell'anonimato dei ruoli, dell'incertezza, e della razionalità limitata delle azioni individuali. In aggiunta, queste azioni individuali possono essere modificate dalla cultura aziendale, dal clima, e dalle azioni di altri individui o gruppi di altre divisioni dell'azienda, e dai modi in cui gli obiettivi vengono interpretati ad ogni fase di attività. Così le ragioni dell'azione aziendale spesso non possono essere semplicemente spiegate individuando le azioni individuali costitutive. Il risultato è un' "attività" o politica aziendale che è un'azione secondaria, un'azione attribuita alla collettività, alla ditta, anche se la stessa collettività non ha letteralmente autorizzato l'azione. Così l'azione collettiva potrebbe non essere identica all'azione individuale, data la natura dei legami di ruolo del processo decisionale gestionale e dato il carattere impersonale del processo di autorizzazione. 
Tratto da CORPORATE RESPONSIBILITY di Valentina Marchiò
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.