Skip to content

La normativa sui termini di pagamento


La legge applica una direttiva comunitaria ispirata a una precisa ratio: colpire la prassi e gli accordi che impongono agli imprenditori e a professionisti di ricevere le somme loro dovute con ritardi notevoli e ingiustificati rispetto al momento in cui hanno eseguito le prestazioni.
In questa condotta agli organi della Unione Europea hanno individuato un sensibile ostacolo alla crescita e allo sviluppo delle imprese di dimensioni medio-piccole e un freno all’intensificarsi degli scambi all’interno del mercato comune.
Da qui l’approvazione di una direttiva del 2000 che ha individuato gli strumenti di contrasto soprattutto in tre aspetti: la previsione di un elevato tasso degli interessi moratori, un controllo sul contenuto degli accordi sulla data del pagamento e delle conseguenze del ritardo, alcune disposizioni sulla possibilità di avere in un tempo ragionevole un titolo esecutivo.
Tratto da DISCIPLINA GIURIDICA DEI CONTRATTI di Stefano Civitelli
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.