Skip to content

Definizione di linguaggio di programmazione

Un programma viene creato assumendo la forma di una successione di istruzioni, di comandi, con riferimento alle azioni che l’elaboratore dovrà svolgere per lo svolgimento dell’attività.
Questi comandi sono strutturati utilizzando vere e proprie sintassi, utilizzando quindi linguaggi con proprie sintassi, regole diverse.
Queste regole diverse sono i LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE, che si possono classificare.
Prima il criterio di classificazione era cronologico - temporale, quindi i linguaggi si definivano di 1°, 2°, 3° e 4° generazione.
Passando da una generazione all’altra questi linguaggi si avvicinavano sempre di più al linguaggio umano, allontanandosi dal linguaggio macchina.
Oggi i linguaggi si distinguono sulla base della caratteristica della loro sintassi:
- LINGUAGGI IMPERATIVI / PRESCRITTIVI
- LINGUAGGI DESCRITTIVI DI PROGRAMMAZIONE
- LINGUAGGI ORIENTATI ALLE CONOSCENZE
- LINGUAGGI A OGGETTI
Tratto da INFORMATICA GENERALE di Valentina Minerva
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.