Skip to content

Sessualità infantile del paziente


Da supporre che prima dei 6 anni si sono verificate esperienze traumatiche, conflitti e rimozioni che sono stati coperti da amnesia. La nevrosi ossessiva mostra che i fattori che formano la psiconevrosi sono da ricercare nella vita sessuale infantile. Adler sottolinea la particolare importanza delle primissime comunicazioni del pz e le parole con cui esordisce il pz mettono in rilievo l’influenza che hanno su di lui gli uomini lasciando poi intravedere il conflitto d’interessi tra uomo e donna (la bella governante con un cognome di nome maschile).
Nella sua infanzia vi era l’idea morbosa che i genitori conoscessero i suoi pensieri, cosa che spiegava immaginando di averli detti a voce alta senza sentire le sue parole. E per lui questo fatto era l’inizio della sua malattia. Di fronte poi a desiderare di vedere certe donne provava un sentimento perturbante, come se dovesse succedere qualcosa se ci pensasse e dovesse fare di tutto per impedirlo. Uno dei grandi timori era che il padre morisse. Gli avvenimenti descritti dal pz costituiscono già la malattia e si tratta di una nevrosi ossessiva completa, poiché non manca alcun elemento essenziale.
Si è notato che il bambino era dominato da una componente pulsionale sessuale (il piacere di guardare) che dava luogo al ricorrente ed intenso desiderio di vedere nude le femmine a cui era interessato. Nella psiche del piccolo si agita un conflitto: ogni volta che gli vengono quei pensieri teme che accada qualcosa di terribile.
L’effetto penoso si colora poi di superstizione mentre fa nascere impulsi a fare qualcosa per scongiurare la disgrazia, impulsi che poi si affermeranno nell’adozione di regole protettive.
Si ha dunque una pulsione erotica e una ribellione contro di essa; un desiderio e un timore che gli si oppone e un effetto penoso e una spinta irresistibile a compiere atti difensivi.
Tratto da CASO CLINICO DELL'UOMO DEI TOPI di Carla Callioni
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi: