Skip to content

Strumenti finanziari


Gli strumenti finanziari sono forme d’investimento che l’intermediario offre alla propria clientela (azioni, obbligazioni, ecc.)
Possono anche essere definiti come forme di investimento che le società offrono e le forme sono quanto riportato nell’allegato 1 sezione C che è un elenco chiuso perché sono classificati strumenti finanziari solo certe cose ma può essere ampliato con un semplice decreto del ministro (meno importante del decreto legislativo).
Voci dell'elenco:
1. Valori immobiliari che sono quelli con caratteristiche tipo standardizzazione, trasferibilità (azioni obbligazioni, altri strumenti rappresentativi del cap di debito, obbligazioni convertibili, ecc.)
2. Strumenti del mercato monetario: di liquidità in cui le istituzioni finanziarie si scambiano liquidità
3. Quote di un organismo di investimento collettivo tipo fondi comuni di investimento ma anche SICAF e SICAV
4. Derivati sono individuati nell’allegato 1 in ragione di alcune caratteristiche: (contratti di opzione, futures, swap) che sia previsto il regolamento dello strumento mediante pagamento di differenziale in contanti, non negoziabili a meno che il contratto sia standardizzato dove l’unica cosa che cambia è il prezzo e di solito sono i futures e quindi possono essere negoziati sui mercato.

Gli strumenti finanziari sono elencati nel Testo Unico della Finanza all'articolo 1, comma 2.
Essi sono:
• le azioni e gli altri titoli rappresentativi di capitale di rischio negoziabili sul mercato dei capitali;
• le obbligazioni, i titoli di Stato e gli altri titoli di debito negoziabili sul mercato dei capitali;
• le quote di fondi comuni di investimento;
• i titoli normalmente negoziati sul mercato monetario;
• qualsiasi altro titolo normalmente negoziato che permetta di acquisire gli strumenti precedentemente indicati;
• i contratti futures su strumenti finanziari, su tassi di interesse, su valute, su merci e sui relativi indici;
• i contratti di scambio a pronti e a termine (swaps) su tassi di interesse, su valute, su merci nonché su indici azionari (equity swaps);
• i contratti a termine collegati a strumenti finanziari, a tassi d'interesse, a valute, a merci e ai relativi indici;
• i contratti di opzione per acquistare o vendere gli strumenti indicati nelle precedenti lettere e i relativi indici, nonché i contratti di opzione su valute, su tassi d'interesse, su merci e sui relativi indici;
• le combinazioni di contratti o di titoli indicati precedentemente.
I mezzi di pagamento non sono considerati strumenti finanziari.

Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Diritto del mercato finanziario e degli strumenti derivati

Appunti di diritto del mercato finanziario e degli strumenti derivati, anno accademio 2010-2011, docente: Sandro Amorosino;