Skip to content

Teologia in Newton



L'opera di Newton riveste grande importanza anche nella teologia, non solo nella scienza, e la sue teologia sarà a fondamento del deismo (Si arrivava all'esistenza di Dio con argomentazioni naturali). Da questo punto di vista Newton concepirà la teologia come un proseguimento tra scienza e natura, questo obiettivo venne raggiunto togliendo alla scienza il compito di definire l'essenza della realtà e attribuendolo interamente alla teologia, affermando che di meccanico nel mondo c'erano solo l'apparenza dei fenomeni, e che proprio l'esistenza di tale meccanicità dimostra che il cosmo, troppo ordinato per essersi prodotto casualmente, è stato creato da una Potenza superiore. In questa maniera l'esistenza di Dio veniva garantita dalla stessa ricerca scientifica. Ma il Dio di Newton era un semplice ordinatore dell'universo, ciò spezzava il dominio esercitato dalla vecchia teologia metafisica e segnava l'inizio della nuova teologia naturale.
Tratto da FILOSOFI DELL'ETÀ MODERNA di Carlo Cilia
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro