Skip to content

Dante e i generi medievali: l'interpretazione di Baranski

Il fatto che il medioevo non abbia avuto una vera teoria dei generi dipende da una caratteristica della sua letteratura: lo sperimentalismo, con forme ibride e un uso nuovo del volgare. Di tale sperimentalismo la Commedia è l'esempio più migliore. Per Baranski, la continua ricerca di novitas non si sarebbe presentata con un'idea restrittiva di letteratura. Il Medioevo organizza la sua idea di letteratura sulla proliferazione di modelli possibili e non sull'imposizione di modelli assoluti.

Delle categorie di classificazione dei testi medievali, due ben si applicano alla Commedia: la teoria dei tre stili e il sistema degli auctores. Nella Divina Commedia il polistilismo è assunto a regola.

Tratto da LETTERATURA COMPARATA di Domenico Valenza
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro