Skip to content

L'importanza della traduzione

La traduzione, in quanto contatto e scambio tra sistemi linguistici, è di grande importanza tra i comparatisti. Tradurre non è solo spostare un segno linguistico da un codice all'altro, ma anche trasferire pensieri e concezioni del mondo da una cultura all'altra. La traduzione può accendere contese politiche, ed essere strumento di potere nella realtà di arrivo del testo straniero.

Impossibile è una traduzione definitiva: le traduzioni sono tutte destinate a scadere. Perciò non esiste una sola traduzione: sarebbe come credere di imporre la moda di oggi a tutte le generazioni future. Detto ciò, l'equivalenza negativa tradurre = tradire, va sostituita da traduzione = tradizione, come osserva Folena: la traduzione permette la diffusione di pensieri altrimenti inaccessibili.

Inoltre, il punto è che neppure l'originale è mai del tutto compreso. Chi legge e interpreta un testo, originale o traduzione, è comunque impegnato in un lavoro di approssimazione al senso, mai di conquista del senso. La traduzione è il massimo grado del carattere contingente di ogni tentativo di interpretazione. Intorno al tradurre si è sviluppata una lunga riflessione già dall'antichità classica.

Tratto da LETTERATURA COMPARATA di Domenico Valenza
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro