Skip to content

La lirica e l'ideale cortese

A inizio XII secolo, nelle corti della Provenza, la vita dell'individuo e della società è regolata da un codice comportamentale e sociale: la cortesia. Di questo codice la poesia lirica dei trovatori, è la più alta espressione. La cortesia è un'ideale estetico ed etico, e un sistema di valori: coraggio, generosità, senso della misura e lealtà tutti riassunti nel fin'amor, l'amore nobilitante per la dama.
Un tipo di lirica cortese si sviluppa anche in ambito germanico con i Minnesanger (da Minnesang, canto d'amore). Anch'essi cantano un amore che nobilita chi lo prova. Coniugato a perplessità metafisiche o intellettuali, l'amore ha dettato le regole della poesia lirica fino al XX secolo.

Il romanzo è un'altra invenzione medievale. Se il termine in origina indica qualsiasi opera tradotta dal latino al volgare in seguito indicherà, come già per Chretien de Troyes, un'opera immaginaria di avventure e amore (in versi, la prosa sarà introdotta in seguito).

Il romanzo si distingue dalla chanson de geste per essere letto e non recitato. I primi romanzi sono adattamenti di opere dell'antichità latina; uno dei più diffusi è il Romanzo di Alessandro, racconto inventato della vita del re macedone. Con Chretien de Troyes il romanzo si affranca dal racconto delle leggende classiche e adotta la materia di Bretagna, quella di re Artù (romanzo arturiano).

Tratto da LETTERATURA COMPARATA di Domenico Valenza
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro