Skip to content

Significato e caratteristiche del decadentismo

Con decadentismo (o simbolismo fuori d'Italia) si intende un'epoca, la seconda metà del XIX secolo, in cui la crisi della rappresentazione realistica e l'ambiguità semantica sono le coordinate principali. Il mondo ha cessato di mandare messaggi chiari e univoci, rivelandosi di difficile comprensione. L'inintelligibilità del reale dipende da alcune condizioni, poi esasperate da modernismo e postmodernismo, come la svalutazione del concetto di storia umano e dei valori sociali.

Il personaggio decadente non agisce in un rapporto ad una alterità, ma vive un'illusione che lo fa credere unico e libero da ogni obbligo morale. Ciò è evidente in Wilde e D'Annunzio. In Arte Poetica, 1874, Verlaine teorizza la fine del significato e la soluzione delle parole in pura musica, aprendo alla metrica libera e avviando il divorzio del significato dal significante di Mallarmè. In Italia, la lezione francese si recepirà prima con D'Annunzio, poi intorno al 1930 con gli ermetici.

Tratto da LETTERATURA COMPARATA di Domenico Valenza
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi: