Skip to content

Applicazione delle misure cautelari




Le misure cautelari sono disposte su richiesta del p.m., il quale deve presentare al giudice competente gli elementi su cui la richiesta si fonda, nonché tutti gli elementi a favore dell'imputato e le eventuali deduzioni e memorie difensive già depositate. Il provvedimento perde efficacia qualora la misura cautelare sia successivamente revocata.
Sulla richiesta del p.m. il giudice provvede con ordinanza.
Dopo l'esecuzione o la notificazione dell'ordinanza applicativa della misura cautelare personale, l'ordinanza stessa è depositata nella cancelleria del giudice che l'ha emessa.
Per assicurare l'esercizio del diritto di difesa l'art. 294 c.p.p. stabilisce che fino alla dichiarazione di apertura del dibattimento, il giudice che ha deciso in ordine all'applicazione della misura cautelare, se non vi ha provveduto nel corso dell'udienza di convalida dell'arresto o del fermo di indiziato del delitto, procede all'interrogatorio della persona in stato di custodia cautelare immediatamente e cmq non oltre 5 giorni dall'inizio dell'esecuzione della custodia, a meno che la persona stessa sia assolutamente impedita. Se la persona è sottoposta ad altra misura cautelare, sia coercitiva che interdittiva, l'interrogatorio deve avvenire non oltre 10 giorni dall'esecuzione del provvedimento o dalla sua notificazione. Nel caso di assoluto impedimento, il giudice ne dà atto con decreto motivato e il termine per l'interrogatorio decorre nuovamente dalla data in cui il giudice riceve comunicazione della cessazione dell'impedimento e c,q accerta la cessazione dello stesso.
Mediante l'interrogatorio il giudice valuta la sussistenza e la permanenza delle condizioni di applicabilità e delle esigenze cautelari e ove queste risultino inesistenti o modificate provvede alla revoca o alla sostituzione della misura disposta.
L'interrogatorio della persona in stato di custodia cautelare da parte del p.m. non può precedere l'interrogatorio del giudice. Il p.m. che abbia urgenza di interrogare l'indagato può tuttavia espressamente richiedere che l'interrogatorio da parte del giudice avvenga entro il termine di 48 ore anziché quello ordinario di 5 giorni.
Tratto da LINEAMENTI DI PROCEDURA PENALE di Enrica Bianchi
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

  • Autore: Enrica Bianchi
  • Titolo del libro: Lineamenti di procedura penale
  • Autore del libro: Gilberto Lozzi
  • Editore: Giappichelli
  • Anno pubblicazione: 2008

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.