Skip to content

I costi della responsabilità sociale del medico: la situazione in alcuni paesi europei


Uno studio condotto da Assomedico per il Censis ha messo in luce analogie e differenze di un fenomeno degenerativo che interessa tutti i paesi europei. Alla base un cambiamento culturale comune, che ha determinato negli utenti di servizi sanitari una maggiore consapevolezza dei propri diritti e l'insorgere di nuove esigenze. In risposta, reazioni diverse degli attori coinvolti, che hanno intrapreso strade diverse nei confronti del problema della gestione del rischio.
In Italia le assicurazioni hanno adottato un atteggiamento passivo, aumentando i premi assicurativi quanto più peggiorava il rapporto sinistri/premi. Si è assistito ad una progressiva limitazione delle garanzie offerte e al passaggio da una copertura loss occurrence (considerano come data del sinistro il momento nel quale si è verificato l'evento dannoso) ad una formula claims made (considerano come momento del sinistro la prima richiesta di risarcimento del danno), nella quale l'assicuratore risponde solo per le richieste di danni pervenute nel periodo di validità del contratto.
Ciò che è mancato è stato un tentativo globale e coordinato di analisi del fenomeno, in grado di fornire le conoscenze necessarie ad individuare strumenti di riduzione e contenimento del rischio prima che venga trasferito, tramite il contratto di assicurazione, alle compagnie.
In stati come la Germania, l'Austria e la Svizzera, queste iniziative di monitoraggio e valutazione dei rischi sono state intraprese dai singoli centri ospedalieri, che sottopongono alle compagnie rapporti sulla qualità dei propri servizi e piani di miglioramento dell'organizzazione e delle procedure interne.
In Belgio e in Olanda, i protagonisti sono stati gli intermediari che hanno inserito tra le proprie attività anche quella di risk management. Nonostante questo, la maggior parte delle compagnie di assicurazioni ha scelto di non offrire più coperture assicurative per le responsabilità civile degli ospedali.
In Francia, la legge Kouchner – approvata nel marzo del 2002 dal parlamento francese – ha introdotto l'assicurazione obbligatoria della responsabilità civile del medico. Viene riconosciuta anche una possibilità di risarcimento, in virtù di un principio di solidarietà nazionale, dei danni causati al paziente – non imputabili a colpa del medico o della struttura sanitaria – che comportino una perdita di capacità funzionali con gravi conseguenze sulla vita privata e professionale. In questo senso, la legge si sforza di promuovere un obiettivo di tutela sociale.
In questo panorama, un approccio diverso è stato adottato a partire dalla fine degli anni '80 dai paesi scandinavi dove, in seguito a specifici interventi legislativi, è stata resa obbligatoria un'assicurazione per ciascun paziente nel momento dell'ingresso nella struttura ospedaliera. La polizza include sia garanzie tipiche delle coperture infortuni (es. la caduta da un letto in corsia), sia danni riconducibili alla responsabilità professionale. Tra gli aspetti positivi di questa soluzione vi è senza dubbio quello di uscire da un meccanismo di contrapposizione tra medico e paziente che finisce per deteriorare il rapporto di fiducia.
Dal punto di vista della risposta dei medici all'incremento della conflittualità con i pazienti, vale la pena di citare il caso inglese, dove già nel 1885 è nata la Mdu (medical defence union), organizzazione non-profit per la tutela dei medici. La Mdu si è posta l'obiettivo di creare una vera e propria rete di protezione a sostegno dei propri soci attraverso:
-    la promozione di iniziative tese a ridurre i rischi per i pazienti;
-    l'offerta di strumenti capaci di aiutare il medico a gestire le situazioni di “crisi”;
-    la predisposizione di servizi di difesa del professionista in caso di contestazioni, anche attraverso la gestione dei rapporti con la stampa;
-   la proposta di coperture assicurative adeguate.
Tratto da MANUALE DI SOCIOLOGIA DELLA SALUTE di Angela Tiano
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.