Skip to content

Concetto di cuore in Crisippo



In Platone il cuore è oggetto di un' attenzione ridotta. Infatti egli fa riferimento soprattutto al cervello e lega le passioni e la loro sede al ventre. Al cuore fan capo i moti psichici legati ad emozioni e passioni; nel petto ha anche sede il thymos, una sorta di calore innato. Il cuore dunque è punto di confluenza di impulsi passionali e del nous. Suo compito è sottomettere l'anima irrazionale al principio divino. Dunque il cuore è campo di battaglia e luogo di vigilanza.  Nello Stoicismo zenone dice che la vita spirituale si concentra nel cuore. Alcuni suoi seguaci identificano nel cervello la sede dell' egemonikon=parte direttiva dell'anima, ma Crisippo abbraccia la tesi di Z. Per Crisippo l'egemonilkon, che è pensiero, dianoia, logos, ha sede nel cuore, anche se la testa trasmette il principio dell'energia al corpo tramite i nervi. Ma il cervello l'energ la riceve d cuore. L'anima è diffusa in tutto il corpo, ma la parte direttiva nel cuore. L'egemonikon è la parte razionale e quindi la più elevata dell'anima: esso è pneuma corporeo e purissimo. L'anima quindi è nel bel mezzo d cuore. Nel sonno o nel dolore ad es. il pneuma può ritirarsi nel cuore. Per Z le percezioni e le passioni son porte attraverso le quali il mondo esterno irrompe nell'anima. Ciò accade quando la phantasia fa pervenire alla coscienza i dati dei processi fisiologici; diviene phantasia trasformandosi in immagine, e se il logos acconsente all'oggetto si determina un moto o un' appetizione (orme). Il logos non deve arrendersi all'impressione esterna. L'anima materiale è di una corporeità sottile, e si restringe e si espande. Con la morte il pneuma va verso l'atmosfera sublunare . Ogni vivente reca in sè un suo destino. Nella misura in cui lo realizza raggiunge l'aretè, la virtù che comporta l'eudaimonia. Per gli stoici un unico logos (zeus) è diffuso in tutte le cose. Nell'uomo è il demone che alberga nel nostro petto. In Crisippo le divine energie che animano il corpo umano equivalgono alla presenza in noi di tali forze divine. Marco Aurelio dice di concentrarsi e ringraziare dal cuore gli dei.
Tratto da ORIGINI GRECHE DELL'ESICASMO di Dario Gemini
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.

Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro