Skip to content

Introduzione a Clemente Alessandrino



Nasce con la scuola catechetica fondata da San Panteno, stoico convertito. Clemente vive tra il 145 e il 215, e prima  professava un platonismo medio secondo cui la verità divina si conosce solo per rivelazione. La gnosi è la vera filosofia. Essa è oggetto di trasmissione orale. Ci son molte somiglianze con il manuale di Nikodemo, come tutte le prescrizioni sull'ascesi, il contegno, le passioni, il dormire, il cibo..lo gnostico ha completa padronanza di sè e venera Dio con culto silenzioso. La preghiera è un parlare dentro, in silenzio. Lo gnostico non si assegna ore per pregare, ma prega tutta la vita, ed ha il pensiero sempre rivolto al divino. I giusti meditano giorno e notte le parole della scrittura. In molti passi dei testi di Clemente la mente è collegata al cuore. Il cuore è sede della mente intesa come nous, il cervello della ragione. la resurrezione consiste nell'avere in sorte ciò che si è ricevuto anticipatamente. la gnosi inizia col battesimo e consiste nel portare a termine il rischiaramento della mente. C'è un doppio battesimo, quello di acqua e quello di Spirito, che equivale all'insediamento di Cristo nel cuore. L'opera dello gnostico è trasformare la materia per farne un veicolo del nous. Così come nel manuale di Nicodemo il calore e la luce che si sviluppano nel cuore si diffondono nel corpo attraverso sangue e nervi grazie all'ascesi..... Il peccato di Adamo ha fatto uscire l'uomo dal Paradiso=suo cuore. In Clemente poi c'il tema della scintilla che deve svilupparsi, e la gnosi come passaggio dalla scintilla alla vera luce. La chiave della trasformazione è la continuità con cui ci si pone alla presenza del divino. ORIGENE: assorbe il pensiero pagano. Tenta nei "Principi" una sintesi tra Cristianesimo e Platonismo: il mondo è un enorme essere vivente tenuto in vita dal logos, l'anima eterna e può vivere più vite, l'inferno è uno stato d'animo, la vera conoscenza di Dio è limitata a pochi. Dunque vediamo che la scuola catechetica di Alessandria ha fornito molti elementi alla pratica spirituale del monachesimo antico, soprattutto egiziano. Evagrio fu il grande mediatore.
Tratto da ORIGINI GRECHE DELL'ESICASMO di Dario Gemini
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.