Skip to content

Maggiore produttività aziendale per Taylor


La maggiore produttività è la premessa per raggiungere un nuovo equilibrio tra domanda e offerta con conseguente aumento nel consumo di beni.
Nella seconda causa, la maggioranza degli uomini secondo Taylor, hanno una “congenita e istintiva tendenza a prendersela comoda”, traducendosi in rallentamento sistematico della produzione.
Le imprese arrivano così a sostituire la paga fissa con il cottimo provocando proteste e rallentamenti intenzionali.
Infine la terza causa addotta per spiegare il rallentamento della produzione è tutta organizzativa e nasce dal fatto che “fare il lavoro” e ancora ritenuta la cosa più importante, mentre la scelta del modo in cui lavorare è vista come un aspetto secondario.
Una moderna direzione d’impresa non può più limitarsi solo a sollecitare la produzione fatta con metodi tradizionali lasciando che gli operai sa la organizzano a loro piacimento. Per ottenere risultati ottimali, una moderna direzione d’impresa deve assumere su di sé gran parte dei compiti che fino allora venivano lasciati agli operai.
Questi devono limitarsi ad eseguire in modo scrupoloso e sistematico il task che la direzione ha stabilito.
Taylor dice che il lavoro operaio nella sua epoca sembra essere una scatola nera, dove i datori di lavoro conoscono ciò che entra e ciò che esce dalla scatola, ma ignorano i processi che avvengono al loro interno. La proposta è che le imprese aprano quella scatola e ne analizzano i dettagli. Ottenere la completa trasparenza di ciò che avviene nel processo produttivo è il primo passo per la programmazione produttiva.
Tratto da STORIA DEL PENSIERO ORGANIZZATIVO di Priscilla Cavalieri
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.