Skip to content

Postural Back School informazioni sulle situazioni di rischio oggettivo: posizione in piedi


Durante il mantenimento della posizione eretta, le forze di gravità che spingono il peso corporeo verso il basso, fanno si che vengano scaricati sulle curve fisiologiche del rachide, avendo una maggiore valenza al livello dei dischi intervertebrali del tratto lombare. Per ammortizzare tale processo è bene che la postura eretta venga mantenuta con il capo in linea con il busto e le spalle in linea con i fianchi con una lieve contrazione dei glutei e dell’addome. Nell’assunzione di questa posizione si scaricano in modo omogeneo le forze sul rachide comprendendo anche il bacino e gli arti inferiori del nostro corpo, sui quali il carico va distribuito bilateralemente.

È importante usare le braccia, perché ad esempio quando ci si lava i denti si tende a mantenere il busto flesso, e quindi per evitare che il carico vada a comprimere maggiormente il tratto lombare è bene poggiare un braccio sul piano; facendo così si evita anche l’eccessiva tensione muscolo-legamentosa che si sarebbe creata nel caso in cui il soggetto non avesse assunto tale posizione.

È bene anche usare le gambe, ogni qual volta che si debba lavorare su un piano nettamente basso, in modo tale da evitare una eccessiva accentuazione in flessione non solo del tratto dorsale ma anche de tratto cervicale, e quindi il piegamento sulle ginocchia risulta un metodo ideale per salvaguardare il rachide durante tali lavori.

La sedia, va utilizzata ad esempio mentre ci si fa la barba, mentre ci si trucca, dal barbiere, e anche quando si starnutisce, perché in quest’ultimo evento, nel momento dello starnuto il busto si flette in avanti e ciò richiede di una maggiore attivazione della muscolatura posteriore. Quindi assumere una posizione da seduto risulta ideale per gravare meno sui dischi intervertebrali del rachide.

Ovviamente come già accennato nel capitolo precedente, il reclutamento del muscolo dell’addome è importante per poter salvaguardare il tratto lombare della schiena.

Utilizzare delle scale per eseguire dei lavori che richiedono ad esempio la pulizia di un oggetto troppo alto, risulta importante, perché altrimenti se ne richiederebbe una posizione che preveda che le braccia vengano sollevate in alto e il corpo sbilanciato verso dietro richiedendo una contrazione prolungata dei muscoli del collo e delle spalle.

La posizione di fianco è consigliabile quando vengono utilizzati i mezzi pubblici, cui bisogna posizionarsi on il fianco verso il senso di marcia e rispondere alle varie sollecitazioni, come ad esempio alle frenate con delle flessioni degli arti inferiori.

È noto come sia opportuno utilizzare delle calzature adeguate in base alle varie situazioni, e l’utilizzo di tacchi per le donne con una altezza superiore ai 4-5 cm. risulta deleterio per il tratto lombare della colonna vertebrale.

La condizione di relax è possibile anche stazionando in posizione eretta, ovvero poggiandosi contro di una parete flettendo leggermente le gambe e mantenendo il collo in linea con il corpo. È in tale posizione che è possibile rilassare il rachide lombare, e per incrementare tale condizione di relax anche al tratto dorale e cervicale, è bene che si effettui una retroazione del mento per l’allungamento ulteriore della muscolatura del collo. È noto però come è indispensabile per creare sollievo sul rachide che dopo un lungo periodo in piedi si effettuino brevi deambulazioni.

Tratto da TEORIA TECNICA DIDATTICA ATTIVITÀ MOTORIA di Vincenzo Sorgente
Valuta questi appunti:

Continua a leggere:

Dettagli appunto:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.

Forse potrebbe interessarti:

Teoria Tecnica Didattica Età Evolutiva

Il Corso prevede la conoscenza delle principali modificazioni funzionali nelle diverse età; la programmazione dell'attività motorie nelle diverse età; come preservare e sviluppare l' efficienza fisica nell'invecchiamento fisiologico o patologico.