Skip to content

Disturbo da alimentazione incontrollata

Colpisce soprattutto soggetti obesi.
Comprende abbuffate ricorrenti (2 volte a settimana per almeno 6 mesi), perdita di controllo durante l'abbuffata e sensazione di disagio nei confronti del comportamento patologico. Non c'è un decremento ponderale e mancano comportamenti compensatori.
E' collegato a compromissione del funzionamento lavorativo e sociale, a depressione, a scarsa autostima, ad abuso di sostanze e a insoddisfazione per la forma del corpo. Fra i fattori di rischio c'è l'obesità infantile, i commenti critici al sovrappeso, un mediocre concetto di sé, la depressione e i maltrattamenti o abusi sessuali nell'infanzia.


di Alessio Bellato
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo riassunto in versione integrale.