Skip to content

Compressione della facoltà di disposizione dei diritti del prestatore di lavoro

E' facile immaginare come un lavoratore, al quale norme inderogabili contenute in leggi o in contratti collettivi attribuiscano dei diritti, possa essere portato a privarsene tramite una compressione, o addirittura tramite una soppressione, della propria facoltà di disposizione. L'art. 2113 c.c., novellato dalla L.533/1973 sulla riforma del processo di lavoro, prevede infatti l'invalidità delle rinunzie e delle transazioni del lavoratore in tali casi.
di Alessandra Infante
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.