Skip to content

Contratto: contrarietà a buona fede

Secondo taluni la violazione della regola di buona fede può determinare la nullità del contratto o di una sua clausola.
Preferibile è ritenere che la violazione della buona fede, di per sé, non comporta nullità del contratto, ma risarcimento dei danni.
I comportamenti tenuti dalle parti nel corso delle trattative o durante l’esecuzione del contratto rimangono estranei alla fattispecie negoziale e la loro eventuale illegittimità, quale che sia la natura delle norme violate, non può dar luogo alla nullità del contratto; a meno che tale incidenza non sia espressamente prevista dal legislatore.
di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.