Skip to content

Diagnosi di morte per arresto cardiaco

Nella l. 644/75 concernente i trapianti d’organo, è stabilito testualmente: “fermo l’obbligo dei medici curanti, in caso di cessazione del battito cardiaco, di compiere tutti gli interventi suggeriti dalla scienza ed alla tecnica per salvaguardare la vita del paziente, l’accertamento della morte deve essere effettuato, salvo i casi di morte cerebrale, mediante il rilievo continuo dell’elettrocardiogramma protratto per non meno di 20 minuti”.
Nel d.m. 582/94 (regolamento recante le modalità per l’accertamento e la certificazione di morte), si ribadisce che l’accertamento della morte dell’arresto cardiaco può essere effettuato da un medico con il rilievo grafico continuo dell’elettrocardiogramma protratto per non meno di 20 minuti.

di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.