Skip to content

Esenzioni ed esclusioni nella dottrina tributaria

Si suole distinguere tra le fattispecie di esenzione e le fattispecie di esclusione.
A differenza di quelle precedentemente considerate, tale contrapposizione investe il modo d’essere e la natura della norma e, di riflesso, della fattispecie impositiva dalla stessa delineata.
Cominciando dalle esenzioni, sembra doversi affermare che le relative norme da un lato presuppongono l’esistenza di una norma generale suscettibile di abbracciare anche il caso o la situazione dalle prime considerate, dall’altro, che le stesse norme di esenzione si configurano come autonome disposizioni non eccezionali bensì speciali, derogatorie rispetto a quella generale, contrassegnate dall’intento di differenziare la disciplina di specifiche situazioni in ragione della rilevanza ad esse riservata.
Ciò aiuta a comprendere come:
a. le norme di esenzione di in non nella più ampia categoria delle norme agevolative, potendo il beneficio consistere, anziché nella totale sottrazione al prelievo, nell’assoggettamento a quest’ultimo in misura ridotta o con modalità meno gravose;
b. le esenzioni si distinguano in soggettive ed oggettive, a seconda che l’esonero dal tributo sia accordato sulla scorta di ragioni attinenti alla persona del beneficiario oppure a profili ed elementi propri della situazione in sé considerata;
c. pur in presenza di una esenzione, possono permanere, in capo al soggetto che ne usufruisce, obblighi formali e strumentali.
Veniamo alle esclusioni: le norme che prevedono assolvono al diverso compito di concorrere con la norma base a delimitare i confini della fattispecie impositiva; mi discende che tali norme sono prive di una reale autonomia.
Le norme in questione non rivestono un carattere di specialità, bensì operano in modo sistematico nel delimitare l’ambito oggettivo del tributo in chiave con la ratio ad esso sottesa.
di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.