Skip to content

Gli impianti di riserva

Per le aziende di servizi pubblici, oltre all’obbligo di dimensionare la propria capacità produttiva alla punta massima di domanda per prestare il servizio in modo continuativo, è richiesto un ulteriore sovradimensionamento [Capacità operativa di riserva (capacità addizionale o capacità di riserva)],
della capacità produttiva per far sì che l’azienda possa fronteggiare le richieste di servizio anche nell’eventualità che il verificarsi di eventi sfavorevoli rendano inutilizzabile parte della capacità produttiva. Gli eventi sfavorevoli, comuni a tutte le imprese che operano nel settore dei servizi pubblici, dipendono da:
guasti agli impianti e alle unità addette all’erogazione del servizio (supporti fisici, vetture, etc). Si può far ricorso alle misurazioni statistiche degli eventi che mettono fuori uso gli impianti per determinare la dimensione da conferir alla riserva. […]
errori di previsione della domanda, (es. la domanda potrebbe avere un ritmo più sostenuto rispetto a quello ipotizzato). Per scegliere il dimensionamento della riserva è necessario disporre dei seguenti dati:
il tempo che occorre per rendersi conto dell’errore commesso
il tempo per far entrare in funzione gli impianti integrativi.
L’azienda di servizi pubblici tuttavia potrebbe ovviare a tali problematiche attraverso la revisione annuale della previsione della domanda.
[Se si verificano questi eventi si deve attuare la capacità operativa di riserva].

di Alessia Chiovaro
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.