Skip to content

Gli scrittori minori del 1600

Lione Pascoli (1674 – 1744). Perugino. Pubblica le sua vite nel 1730. Opera di scarso valore, rappresenta la fine del grande Barocco romano: Maratta, Cignani, Ciro Ferri. Non era un pittore né un artista; era giureconsulto e politico, oltre che zelante raccoglitore di libri e quadri.
Niccolò Pio. Oscuro amatore romano che pubblica un grosse volume di Vite.
Giulio Mancini (? - 1630) Senese. Archiatra di Urbano VIII. Importante per il suo attraversamento dal manierismo al barocco e per le biografie del Caravaggio, del rivale Cavaliere d'Arpino, del Domenichino e del Reni, allora tutti in piena attività. Ottima critica minuziosa dei più antichi, come Vasari.
Francesco Scannelli. Forlì. Scrisse il Microcosmo della Pittura, nel 1657. Anche in lui è presente, come in Mancini, la divisione tra scuola romana e Raffaello, scuola veneziana e Tiziano, scuola lombarda e Correggio, e scuola bolognese e i Carracci.

di Gherardo Fabretti
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.