Skip to content

I flussi della globalizzazione della cultura

A. Appadurai, a proposito della globalizzazione della cultura, individua l’esistenza di 5 dimensioni di flussi culturali globali:
* gli ethnoscapes. prodotti da flussi di persone, siano esse turisti o immigrati, rifugiati o lavoratori stagionali;
* i technoscapes. flussi di macchinari e di fabbriche, che derivano da corporazioni sia nazionali che multinazionali o anche da imprese statali.
* i finanscapes. prodotti dai flussi di denaro, che affluiscono nei mercati monetari e nella borsa.
* i mediascapes. reperti di immagini e di informazioni distribuiti dal cinema, dalla televisione, dai quotidiani e riviste
* gli ideoscapes. legati ai prodotti di movimenti ideologici a favore o contro lo stato, legati alla visione del mondo tipica dell’occidente illuminista, quindi immagini di democrazia e libertà, di benessere e di giustizia, etc.
Le società vivono fenomeni apparentemente contraddittori spinte verso la globalizzazione e spinte verso i localismi in un contesto mutevole di uguaglianze e differenze, su una scena caratterizzata da differenti tipi di flussi globali.
di Alessia Chiovaro
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.