Skip to content

Il movimento dei non allineati

Questo gruppo raccoglie gran parte dei paesi in via di sviluppo. Interessi e tendenze diversi, ma alcune posizioni comuni: apertura del Consiglio ai paesi in via di sviluppo di almeno 11 membri, rivendicazione di un maggior ruolo dell'Assemblea (in cui il movimento ha una maggioranza) in particolare un suo ruolo di controllo sul Consiglio. Proposta già scritta dell'ambasciatore furbacchione della Malaysia: - allargamento a 24 membri e 5 nuovi permanenti; - elezione di tutti i membri, inclusi i permanenti, a maggioranza di 2/3 dall'Assemblea; - rinvio della decisione sull'allargamento del potere di veto per i nuovi e certe condizioni per il veto dei permanenti originari; maggioranza 15 su 24 per l'adozione delle decisioni.
Dopo la crisi irachena questi paesi hanno sottolineato tramite risoluzione dell'Assemblea (2004) la centralità ONU, il valore del multilateralismo e i vincoli per l'uso della forza (voto contro di Israele e Usa.
di Alice Lavinia Oppizzi
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.