Skip to content

Il processo di privatizzazione



La cornice analitica: cause e obiettivi

Denazionalizzare, o privatizzare, rappresenta uno strumento fondamentale di modernizzazione dell'economia.
Alla case della privatizzazione ci sono una serie di cause:
- ragioni economiche, sono stati frequenti i casi di government failure che hanno dato luogo a cattivi risultati sotto il profilo della gestione e della profittabilità dell'impresa pubblica. Questi fallimenti hanno tratto origine dal tentativo di assegnare all'impresa pubblica obiettivi sociali oltre che economici;
- ragioni di carattere finanziario o di finanza pubblica, la privatizzazione è importante per diminuire il debito degli stati e comprimono il disavanzo: tramite il calo degli interessi sul debito pubblico e grazie alla destinazione dei proventi delle dismissioni a fondi di ammortamento del debito pubblico oppure a coprire spese correnti;
- ragioni politiche e ideologiche, la centralità dell'impresa privata e l'allargamento della partecipazione della classe media al capitale delle imprese è un fattore importante nelle democrazie moderne. Inoltre privatizzare spezza i legami perversi che si sono formati fra lo stato ed i potentati economici.
Le politiche di privatizzazione possono essere finalizzate sia ad obiettivi politici che economici:
- aumentare gli introiti dello stato;
- promuovere l'efficienza economia;
- ridimensionare l'ingerenza dello stato nell'economia;
- stimolare l'allargamento della proprietà azionaria;
- fornire l'opportunità di introdurre maggiore concorrenza e competitività;
- esporre le imprese pubbliche alla disciplina del mercato;
- sviluppare il mercato nazionale dei capitali.
Un ulteriore stimolo alla riduzione dell'attività imprenditoriale pubblica venne rappresentato dall'affievolirsi di una delle principali motivazioni di nazionalizzazione: il pericolo di lasciare in mani private i monopoli naturali. Ora, il progresso tecnologico ha permesso di aggirare questo pericolo.
Le politiche di denazionalizzazione sono state attuate tramite queste modalità:
- nei casi di dismissione di imprese pubbliche di grandi dimensioni, il sistema dell'offerta pubblica di vendita (OPV) è stato preferito alla trattativa privata;
- nella vendita delle prime tranche azionarie spesso i governi hanno fatto ricorso all'underpricing, cioè hanno praticato un notevole sconto sul valore effettivo dell'azienda per invogliare gli acquirenti;
- la maggior parte dei governi si è riservata poteri speciali di veto (golden share) in materia di cambiamenti dell'azionista di controllo e di investimenti esteri.  
Perchè un programma di denazionalizzazione possa essere realizzato con successo sono necessarie alcune precondizioni:
- un mercato dei fattori e dei prodotti concorrenziale;
- una legislazione a protezione di azionisti e risparmiatori;
- un mercato di capitali sufficientemente evoluto, sul quale le imprese siano contendibili.
di Melissa Gattoni
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.