Skip to content

Interruzione volontaria della gravidanza nel caso di malformazioni fetali

Per quanto attiene alla previsione di anomalie e malformazioni del concepito, l’attuale disciplina introduce un aspetto in precedenza non contemplato dalla legislazione italiana: quello dell’aborto profilattico o preventivo.
La norma consente alla donna di impedire la nascita di individui affetti da malattie ereditarie o da anomalie e difetti congeniti e ciò anche al fine di ridurre il pericolo e il peso economico connesso alla presenza della famiglia e nella società di individui improduttivi e bisognosi di un’assistenza continua.
L’aborto preventivo può essere giustificabile, secondo quanto dispone la l. 194/78 (per ciò che riguarda la gravidanza dopo il 90º giorno), quando lo studio prenatale del feto fornisca la certezza o un elevato grado di probabilità di gravi e irrimediabili malattie congenite del concepito; ma assai discutibile e pericoloso diviene il discorso quando il rischio è solo ipotetico (come è stabilito per la gravidanza entro il 90º giorno).

di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.