Skip to content

John Searle

È il filosofo americano più influente per la concezione di oggetti giuridici. 
Agli inizi degli anni ’60 tematizza la differenza fra due tipi di regole:
1- Regole regolative: disciplinano un comportamento la cui esistenza non dipende dall’esistenza delle norme. 
Per es. “Vietato fumare”: fumare esiste indipendentemente dalla norma.
2- Regole costitutive: rendono possibile una serie di comportamenti. Senza queste regole questi comportamenti e queste azioni non sarebbero possibili. 
Per es. le regole degli scacchi: senza regole degli scacchi non si può giocare a scacchi.

Le regole costitutive ci permettono (oltre che a capire) di percepire l’azione che stiamo compiendo. Sono proprie del punto di vista interno. I consociati che hanno il punto di vista interno conoscono le regole costitutive.
Funzione:
- Ontologica: permette di creare azioni (per es. nel gioco: spostare i pedoni, la regina,..).
- Epistemologica: permette di dare un senso alle cose.
di Francesca Morandi
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.