Skip to content

La connessione tra giovinezza e adultita': tra reciprocita' e differenza

Sulla base di una converegenza tra i principali assunti delle discipline psico-sociologiche, "giovane" o "adolescente" veniva ad essere tradizionalmente considerato chi "è già e non ancora", vale a dire il soggetto riferibile ad una ben precisa fase di vita posta al punto intermedio tra lo stadio dell'infanzia e quello dell'adultità. tale transizione tendeva dunque ad essere intesa attraverso il paradigma del dubbio, dell'instabilità, dell'incertezza, della dipendenza, in contrapposizione ad un mondo degli adulti che, qualificandosi come tappa finale di un processo di crescita, si riproponeva invece come stabile, in equilibrio, caratterizzato da serietà e maturità, quali caratteristiche chiave di un punto di arrivo evolutivo.
Che rapporto c'è con la genitorialità?
Quando una famiglia è in fase di frantumazione i figli sono oggetto di competizione. Il rapporto con i genitori diventa più labile se la situazione familiare è critica. C'è una difficoltà nel processo di successione: la madre non è più lo specchio della figlia.
I processi di politica sociale interagiscono con situazioni dove la genitorialità non c'è o è competitiva sul ragazzo.
di Angela Tiano
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.