Skip to content

La filiera

La filiera è una forma ibrida formata da un insieme di attività complementari e legate da operazioni di acquisto e di vendita. Queste attività contribuiscono alla produzione di beni e servizi finali.
Per far fronte all’incertezza viene creata una quasi integrazione o la creazione di una quasi-organizzazione in cui la relazione, oltre che di scambio, diventa di potere. Il grado di subordinazione è definito:
- dall’intensità del flusso
- dal grado di dipendenza tecnologica dal fornitore, dalle sue specifiche e dai suoi controlli
- dalla dimensione dell’azienda

Questa misura mista di relazione contrattuale e gerarchica è evidente nel sistema giapponese di appalto:
° è una relazione  di lungo termine, la cui durata è determinata dal ciclo di vita dei prodotti. Il numero dei subfornitori è limitato e l’azienda committente benefica dei vantaggi dell’integrazione pur decentrando una parte rilevante della produzione
° è una relazione istituzionalizzata e gerarchizzata: le imprese fornitrici sono gerarchizzate nel senso che hanno un rating che dipende dal tipo di prodotto che forniscono e dalla intensità della relazione che instaurano
° è una relazione negoziale, regolata da un contratto base e da una serie di contratti complementari
° è una relazione che favorisce e incorpora l’innovazione, che è una componente centrale del rapporto

Il network
Tra i casi di ibridazione di contratti e di strutture di governo delle relazioni, un posto centrale occupa la rete, che è utilizzata in diversi approcci con valenze e significati eterogenei. Non c’è dubbio che le ICT (tecnologie dell’informazione e della comunicazione) e in particolare internet, daranno un supporto tecnologico allo sviluppo della forma network su tutti i piani delle relazioni.

di Giulia Mestre
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.