Skip to content

La magia delle noci

NOCI: Plinio attribuisce alle noci un energia soprannaturale. Divina, magica. A cominciare dalla Grecia.
Artemide, dea lunare sarebbe stata trasformata da Dioniso in un noce.
A Roma invece diventa attributo di Diana (equivalente di Artemide). La reputazione del frutto si colora dell’aura magica stregonesca soprattutto quando il cristianesimo trasformerà gli antichi Dei pagani in demoni. Diana diventa così la regina delle streghe, vengono così dal popolo definite janare = Dianare.
Il noce diventa simbolo della stregoneria femminile.
Secondo una credenza diffusa le seguace di diana si riunivano sotto il noce di Benevento per celebrare il loro sabba infernale. Si riteneva che a capitanare la schiera fosse Erodiade concubina di Erode.
Il sabba cadeva nel solstizio d’estate, momento dell’anno legato alla fertilità e alla forza generatrice della natura. La notte di San Giovanni (24 giugno) acquista una connotazione magica. 
Si chiamano proprio noci di San Giovanni quelle che le donne colgono ancora verdi e cariche di succhi vitali per preparare infusi dai poteri quasi medicinali come il nocino.
Oggi la dietetica moderna attribuisce i benefici delle noci agli effetti vasodilatatori e antiarteriosclerotici degli Omega 3.
di Anna Carla Russo
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.