Skip to content

La specialità come differenza per l'attuazione di una diversa tutela del lavoratore

Accanto al modello normativo-tipo contrattuale del rapporto di lavoro subordinato, esistono dei sottotipi qualificabili come rapporti “speciali” di lavoro. Bisogna tener presente, infatti, le differenze esigenze di tutela del lavoratore, attuate tramite i contratti o accordi collettivi che vanno a disciplinare queste forme speciali di lavoro, nonché da parte del legislatore, talune volte in sostituzione della stessa autonomia collettiva insufficiente o del tutto assente. Numerose discipline speciali, ultimamente, al fine di favorire l'occupazione, hanno introdotto rapporti lavorativi “flessibili o atipici”, attenuando le tutele in materia di lavoro subordinato, proprio per salvaguardare interessi pubblici o collettivi.
di Alessandra Infante
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.