Skip to content

La truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche

Art. 640 bis c.p. “Se il fatto [di truffa] riguarda contributi, finanziamenti, mutui agevolati ovvero altre erogazioni dello stesso tipo, comunque denominate, concessi o erogati da parte dello Stato, di altri enti pubblici o delle Comunità Europee”
Questo reato non è una circostanza aggravante della truffa, ma una fattispecie autonoma, in quanto può a sua volta essere aggravata e perché l’introduzione di questo articolo ha avuto lo scopo di togliere dal giudizio di bilanciamento l’ipotesi del fatto commesso ai danni dello Stato, degli enti pubblici o della CE nei particolari casi in cui l’oggetto materiale siano contributi, finanziamenti, mutui agevolati o altre erogazioni dello stesso tipo.
Gli elementi differenzianti rispetto alla truffa comune sono:

Oggetto materiale: deve consistere in
- contributi, cioè erogazioni di denaro a fondo perduto una tantum;
- finanziamenti, cioè concessioni di credito con particolari vincoli di destinazione e/o di restituzione, ma comunque a condizioni più favorevoli di quelle di mercato comuni,
- mutui agevolati, cioè finanziamenti con particolari vantaggi sotto il profilo degli interessi, della ratealizzazione e dei tempi di restituzione;
ogni altra erogazione di questo tipo, clausola di chiusura.

Offesa: consistente nel danno al patrimonio pubblico, reato di danno.

Elemento soggettivo: dolo generico,
- coscienza e volontà di indurre, con artifici o raggiri, lo Stato, gli enti pubblici o la CE in errore;
- coscienza e volontà di determinare tali soggetti ad atti di disposizione patrimoniale;
- consapevolezza del danno a tali soggetti e dell’ingiusto vantaggio a sé o ad altri.
Errore sull’ingiustizia del profitto esclude il dolo.

Rapporti con altri reati: è fattispecie speciale rispetto alla truffa aggravata (a) e per tanto, qualora siano presenti i requisiti, prevale su essa.

Trattamento sanzionatorio: punita d’ufficio con reclusione da 1 a 6 anni.
di Stefano Civitelli
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.