Skip to content

Le politiche del lavoro

Politiche del lavoro --> Insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell’interesse collettivo all’occupazione. I principali compiti svolti da queste politiche sono:
Regolamentazione del mercato del lavoro attraverso la disciplina dei rapporti lavorativi, diritti e doveri di datori di lavoro e lavoratori, norme sulla sicurezza e sulla salute dei lavoratori, regolazione della modalità di incontro tra domanda e offerta ecc.
Promozione dell’occupazione: misure che favoriscano l’inserimento professionale delle persone che cercano lavoro.
Mantenimento o garanzia del reddito: contro il rischio di disoccupazione e di sospensione temporanea dell’orario lavorativo.

Le politiche passive del lavoro concernono le prestazioni monetarie a favore dei disoccupati.
In tutti i paesi europei è presente un sistema di ammortizzatori sociali che si genera su tre diversi pilastri o livelli:
1. Pilastro assicurativo: le prestazioni sono erogate sotto forma di indennità di disoccupazione per una durata definita a fronte del versamento di contributi. I criteri per ottenere queste prestazioni sono due: la disoccupazione deve essere involontaria e si devono soddisfare i requisiti di anzianità contributiva in relazione ad un certo periodo di riferimento.
Possono essere presenti vincoli d’attivazione consistenti, ad esempio, nella disponibilità a frequentare corsi di orientamento e di formazione professionale.
2. Pilastro assistenziale dedicato: vengono assegnati sussidi di disoccupazione sulla base di requisiti di reddito in caso di impossibilità di accesso al primo pilastro.
3. Pilastro assistenziale generale: le prestazioni forniscono un reddito minimo garantito a chi si trova in condizioni di indigenza.
Il finanziamento delle indennità di assicurazione avviene sulla base di contributi versati sia dai lavoratori che dai datori di lavoro; la generosità della prestazione è definita dall’entità del suo importo e dalla durata dell’erogazione; la durata di tale prestazione è soggetta a variazioni a seconda delle leggi dello Stato.

di Adriana Morganti
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.