Skip to content

Status di giudice costituzionale e prerogative della corte

I giudici costituzionali godono delle seguenti prerogative: -immunità e improcedibilità: essi non possono essere perseguite per le opinioni espresse  ne per i voti dati nell’esercizio delle loro funzioni. Per procedere nei loro confronti è necessaria un’autorizzazione della corte costituzionale;
-inamovibilità: solo dalla corte costituzione può essere disposta la rimozione o la sospensione dei suoi giudici: questo provvedimento può derivare solo da incapacità fisica o civile, o da gravi mancanze  nell’esercizio delle sue funzioni;
-retribuzione: per garantire l’indipendenza economica dei giudici costituzionali, ad ognuno di essi è riservato un trattamento economico non inferiore a quello del magistrato ordinario investito dalle + alte funzioni;
-verifica dei poteri: il giudizio sui titoli di ammissione dei membri della corte è riservato alla corte stessa.
La corte costituzione gode delle seguenti prerogative:
-autonomia finanziaria e normativa: la corte ha un potere normativo autonoma e amministra un proprio bilancio (fissato dal bilancio dello stato);
-autodichia: la corte ha competenza a decidere sui ricorsi in materia di impiego dei propri dipendenti.
Le decisioni che la corte può porre in essere sono: ordinanze e sentenze.
L’art.18 della l87/1953 ci indica il criterio generale di distinzione fra questi 2 atti:
-la corte giudica in via definitiva con sentenza;
-tutti gli altri provvedimenti di sua competenza sono adottati con ordinanza
Sentenze e ordinanze sono gli atti tipici del potere giudiziario e si distinguono proprio per questo:
-sentenza: (definisce il giudizio) è l’atto con cui il giudice chiude il processo;
-ordinanza: strumento interlocutorio, che non esaurisce il rapporto processuale, ma che serve per risolvere le questioni che sorgono nel corso del processo.
Negli anni è stato sviluppato un uso delle ordinanze + ampio: talvolta si ricorre all’ordinanza anche per chiudere il processo.
di Antonio Amato
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.