Skip to content

Tutela del possesso e della proprietà: azioni a difesa della proprietà

Azione di rivendicazione → si chiede la consegna o la restituzione della cosa a chiunque la possiede/detiene al momento dell’azione (azione imprescrittibile)
Se il convenuto cede ad altri la cosa dopo che è iniziata l’azione, egli è tenuto a recuperarla o a corrispondere il valore e risarcire il danno
Chi agisce in rivendicazione deve provare la proprietà. Ognuno diventa proprietario solo se acquista da un vero proprietario, e quest’ultimo ha acquistato da un altro vero proprietario e così via.. quindi per provare la proprietà bisogna andare a ritroso nella catena di tutti i trasferimenti → la prova di aver acquistato il diritto di proprietà si raggiunge solo quando si accerta un acquisto a titolo originario
La prova della proprietà è richiesta solo se chi agisce vuole che venga accertato il suo diritto di proprietà (non serve se si vuole solo la restituzione della cosa)

Azione di accertamento → si chiede l’accertamento della proprietà ma non la restituzione

Azione negatoria → si chiede di far dichiarare l’inesistenza di diritti affermati da altri sulla cosa quando il proprietario ha motivo di temerne pregiudizio
Inibitoria → si chiede la cessazione di molestie e turbative

Azione di regolamento dei confini → si chiede che il confine tra i fondi sia stabilito dal giudice
E’ ammesso ogni mezzo di prova; se vi è incertezza, il confine lo si desume dalle mappe catastali (che di solito non sono mezzo di prova)

Azione di apposizione di termini → si chiede che i confini tra i fondi siano collocati a spese comuni
di Fabio Merenda
Valuta questo appunto:

Continua a leggere:

Altri appunti correlati:

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:

Puoi scaricare gratuitamente questo appunto in versione integrale.