Skip to content

Aquileia Caput Viarum

Via Gemina (da Aquileia a Iulia Emona)

L'esistenza di una via che conduceva alla Pannonia è chiaramente accertata grazie alle fonti storico-letterarie, su quale fosse, invece, il suo reale nome perdura ancora incertezza.
Giovanni Brusin chiama questa strada Via Gemina, basandosi sul ritrovamento in località Monastero (a settentrione di Aquileia) di due epigrafi del III secolo d.C. che ricordano il riassetto pavimentale, voluto dall’imperatore Massimino, dalla porta della città fino a un ponte; lo studioso ritenne che quel tratto potesse essere identificato con la via che conduceva a Iulia Emona e che il ponte citato nell’iscrizione corrispondesse al Ponte Sonti, citato nella Tabula Peutingeriana, che superava l'Isonzo a Mainizza, presso Gorizia.
Fabio Prenc, invece, attribuisce alla Via Gemina un percorso differente: per effetto del rinvenimento di un’iscrizione su un blocco di pietra, pertinente sempre ad un ponte, nel 1932 al Lisert, tra Monfalcone e il Fons Timavi, che riporta la scritta LEG XIII (permettendo di attribuire la realizzazione della strada alla legio XIII Gemina), egli sostiene che la strada conducesse a Pola, in Histria. Alberto Grilli, che differisce lievemente sul nome della legione che la costruì (legio XII Gemina), rimarca che si tratta di un caso unico di iscrizione indicante l’esecutore materiale dell’opera, però identifica la strada con la via da Aquileia a Iulia Emona. Altri studiosi infine, in disaccordo con le sopraccitate teorie, sostengono di non essere a conoscenza del nome effettivo della strada e preferiscono denominarla via da Aquileia a Iulia Emona.
La strada ripercorreva una pista preistorica e protostorica frequentata per il commercio dell’ambra e il tracciato romano fu realizzato tra gli inizi del I secolo a.C. e l’epoca augustea, quando, a seguito delle campagne militari di Ottaviano in Pannonia (33-35 a.C.), ricevette un assetto definitivo per la necessità di assicurare rapidi e sicuri spostamenti militari oltre le Alpi Giulie. Non solo «strada militare di prima classe», secondo la definizione del Cartellieri, ma anche arteria commerciale: Strabone in un passo della sua opera narra che Aquileia serviva da emporio ai popoli illirici, i quali vi giungevano attraverso la via Gemina per acquistare vino e olio così come per vendere schiavi, bestiame e pelli. Il percorso viario veniva inoltre sfruttato per condurre le greggi verso i comprensori territoriali delle Prealpi e delle Alpi Giulie, in particolare verso le zone carsiche, particolarmente adatte per le loro caratteristiche morfologiche al pascolo degli animali.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Aquileia Caput Viarum

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Claudio Riboldi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze geografiche
  Relatore: Giovanna  Bonora Mazzoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 54

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

vie consolari romane
aquileia
regio x
natiso
virunum
aguntum
noricum
via annia-popilia
via postumia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi