Skip to content

Oltre il romanzo. Alberto Moravia viaggiatore e saggista.

I viaggi di Moravia. Gli odori e i compagni di avventura

La “scoperta dell’Oriente” da parte di Alberto Moravia è da collocarsi nel 1937. Con il battello “Conte Rosso” lo scrittore parte alla volta della Cina pre-seconda guerra mondiale, dando il via, così, ai suoi innumerevoli viaggi che lo vedono protagonista fino agli ultimissimi anni di vita.

Avventure che permettono al giornalista Moravia di incontrare grandi personalità politiche, quali Nehru, Tito, Arafat, Ceausescu e Castro e che egli rivive nei numerosi articoli e libri ad esse dedicate; talvolta da solo, spesso accompagnato da, tra gli altri, Elsa Morante, Pier Paolo Pasolini e Dacia Maraini, Moravia realizza i viaggi all’estero assumendo l’atteggiamento di “scrittore turista, il quale è capace di fornire più informazioni degli esperti con le cifre e le indagini che diventeranno, dopo un certo periodo, poco reali”.

Moravia, giunto a Bombay ed avvertito da subito “l’odore nuovo per me di polvere, di spezie e di decomposizione”, quell’odore che – come si vedrà più avanti – ispirerà il Pasolini de L’odore dell’India, si dirige verso Shangai che, negli articoli da lui scritti e pubblicati su «La Gazzetta del Popolo», definisce “costruita da stranieri, piena di usi e di costumi stranieri”; una città, insomma, “che non ha di cinese che la popolazione”.

Shangai per Moravia è una città “brutta, moderna, fangosa”, di divertimenti semplici e monotoni, di sale da gioco e da ballo, “una città schiettamente americana […] dove gomito a gomito vivono la più abbietta miseria e la ricchezza più sfacciata”. Moravia attraversa tutta la Cina e ne impara a conoscere il paesaggio che si ripropone sempre uguale: “una casa con la risaia accanto, un bufalo in mezzo all’acqua e poi le tombe e, intorno, la sterminata pianura, tutta percorsa da invisibili canali sui quali scorrevano le vele di invisibili barche”.

Lo scrittore romano resta positivamente impressionato da Pechino, città dove tutto ciò che si è osservato fino a quel momento è “moltiplicato più volte in grossezza, pesantezza, solidità, magnificenza”, da Canton e dalla “bella e allegra” Hong Kong, città dalla quale il Moravia riparte in direzione Italia dopo due mesi circa (tale è la durata del viaggio; quattro mesi se si considerano l’andata e il ritorno).

Rientrato nella penisola italiana, prima a Bari, poi a Roma, Moravia, come detto, scandisce il suo reportage in una ventina di articoli sul quotidiano diretto da Amicucci. Trent’anni dopo, nel 1967, è Dacia Maraini ad accompagnare lo scrittore nel suo secondo viaggio in Cina. Non più il Paese asiatico del ’37, immobile, dominato dal Vecchio Regime, ma quello dei movimenti della rivoluzione culturale (il resoconto di questo nuovo viaggio, non a caso, prende il nome di La rivoluzione culturale in Cina, ovvero, Il convitato di pietra, pubblicato nel 1967, una sorta di instant book sulla Cina dei “cento fiori”).

Si tratta di una Cina “cambiata politicamente, ma non nell’aspetto esterno”. Tuttavia, solo nel corso del terzo viaggio cinese, nel 1986, a ben trent’anni di distanza dal primo, Moravia comprende del tutto la verità sulla mobilitazione della massa cinese di fine anni ’60, definita dagli stessi cinesi un incubo. Ciò che impressiona maggiormente l’autore de Gli indifferenti sono le processioni delle Guardie Rosse in onore di Mao, in cui i giovani manifestanti, tutti in uniforme blu, stringono nel pugno il piccolo libro del dittatore comunista.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Oltre il romanzo. Alberto Moravia viaggiatore e saggista.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Massimo Galanto
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Giuseppe Bonifacino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 72

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi