Skip to content

Il sostegno scolastico al preadolescente autistico: studio di un caso

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
III Indice Ringraziamenti ..........................................................................pag. VI Introduzione ..............................................................................pag. VII Capitolo 1 Uno sguardo generale sull‟autismo: teorie e aspetti comunicativi ................................................................................................... pag. 1 1.1 Breve accenno storico sull‟autismo ............................................................................. pag. 1 1.2 Le ricerche recenti......................................................................................................... pag. 6 1.2.1 Vittorio Gallese: Shared Manifold Hypothesis .................................................. pag. 7 1.2.2 L‟evoluzione neurofisiologica dell‟empatia ...................................................... pag. 9 1.2.3 Autismo: il deficit di consonanza intenzionale .................................................. pag. 11 1.3 Il modello cognitivo di Simon Baron-Cohen: la mente modulare ............................. pag. 12 1.3.1 L‟autismo: la cecità mentale ............................................................................... pag. 15 1.3.2 Baron-Cohen: empatia e sistematizzazione ....................................................... pag. 16 1.3.3 Fattori in gioco nella differenza di genere ......................................................... pag. 19 1.3.4 Autismo e il modello bifattoriale ........................................................................ pag. 20 1.3.5 Conclusioni: promuovere l‟empatia ................................................................... pag. 21 1.4 Teoria socio-affettiva di Peter Hobson ........................................................................ pag. 22 1.4.1 Prediligere gli stimoli umani ............................................................................... pag. 25 1.4.2 La comunicazione intenzionale .......................................................................... pag. 26 1.4.3 Punti di discussione di Hobson ........................................................................... pag. 28 1.4.4 La capacità di identificarsi con gli altri e l‟autismo .......................................... pag. 29 1.5 La comunicazione umana ............................................................................................. pag. 32 1.5.1 La comunicazione non verbale ........................................................................... pag. 34 1.5.2 Caratteristiche del comportamento autistico ...................................................... pag. 35 1.5.3 La comunicazione verbale .................................................................................. pag. 36 1.5.4 Difficoltà della competenza linguistica nell‟autismo ........................................ pag. 38 1.5.5 Intersoggettività nella comunicazione ................................................................ pag. 42 1.6 Conclusioni .................................................................................................................... pag. 42 Capitolo 2 Uno sguardo ravvicinato: il sostegno scolastico nell‟autismo ............... pag. 44 2.1 Presentazione del caso .................................................................................................. pag. 44 2.1.1 Interessi, abilità e disabilità ................................................................................. pag. 47 2.1.2 La vita scolastica.................................................................................................. pag. 49 IV 2.1.3 L‟interazione con i pari e con gli adulti ............................................................. pag. 50 2.2 Educazione e prevenzione nella scuola ....................................................................... pag. 51 2.2.1 Storia e funzione della fiaba popolare ................................................................ pag. 53 2.2.2 La fiaba: il percorso verso la ricerca del tesoro nascosto.................................. pag. 56 2.2.3 La drammatizzazione .......................................................................................... pag. 57 2.2.4 Le tecniche psicodrammatiche utilizzate ........................................................... pag. 58 2.3 Lavorare con/per il gruppo-classe ................................................................................ pag. 59 2.3.1 La fiaba individuale nella drammatizzazione .................................................... pag. 62 2.4 Il rapporto uno a uno con l‟autistico nel sostegno scolastico ..................................... pag. 64 2.4.1 Instaurare un contatto emotivo ........................................................................... pag. 66 2.4.2 L‟attività grafica .................................................................................................. pag. 68 2.4.3 Il metodo Feuerstein ............................................................................................ pag. 70 2.4.4 Riflessione su alcuni aspetti emersi .................................................................... pag. 73 Capitolo 3 Promuovere l‟intenzionalità comunicativa: azione e ruolo dello scaffolding nel sostegno scolastico ............................................................................... pag. 76 3.1 L‟osservazione .............................................................................................................. pag. 77 3.1.1 La metodologia osservativa ................................................................................ pag. 78 3.1.2 Fase preliminare................................................................................................... pag. 79 3.2. La costruzione della griglia osservativa ..................................................................... pag. 82 3.2.1. Il Relation Coding System di Alan Fogel .......................................................... pag. 85 3.3 La fase preparatoria....................................................................................................... pag. 87 3.3.1 Comunicare le proprie sensazioni corporee ....................................................... pag. 87 3.3.2 Lo spazio fisico e mentale: il dentro e il fuori ................................................... pag. 89 3.4 La fase centrale ............................................................................................................. pag. 94 3.4.1 Assunzione di un ruolo ........................................................................................ pag. 95 3.4.2 Esprimere e condividere un‟emozione ............................................................... pag. 99 3.5 Il gioco psicodrammatico e le fiabe individuali .......................................................... pag. 104 3.5.1 La rappresentazione grafica del gruppo-classe .................................................. pag. 105 3.5.2 La rabbia............................................................................................................... pag. 107 3.5.3 Verso una primitiva teoria della mente .............................................................. pag. 110 3.5.4 La conclusione e la separazione ......................................................................... pag. 113 3.5.5 Analisi dei dati dell‟attività con il gruppo-classe .............................................. pag. 116 3.6 Focus sull‟evoluzione del processo comunicativo interpersonale ............................. pag. 118 3.6.1 Analisi dei dati raccolti ....................................................................................... pag. 119 3.6.2 Riflessione di chiusura ........................................................................................ pag. 122 3.7 Il rapporto uno a uno: l‟intersoggettività ..................................................................... pag. 123 3.7.1 Frequenza: rifiuto, ritiro, imitazione .................................................................. pag. 124 3.7.2 Frequenza: contatto oculare, gesti deittici, social referencing e alternanza nei turni ........................................................................................................................................ pag. 125 3.7.3 Frequenza: attenzione/emozione/intenzione congiunta ed emozioni sociali ... pag. 126 3.7.4 Riflessioni conclusive.......................................................................................... pag. 127 V 3.8 Analisi e commento sulla comunicazione verbale ...................................................... pag. 128 3.8.1 Frequenza: il sistema paralinguistico e l‟ecolalia finalizzata ........................... pag. 129 3.8.2 Frequenza: sintassi, semantica e pragmatica ..................................................... pag. 130 3.8.3 Conclusioni .......................................................................................................... pag. 131 3.9 L‟area cognitiva: abilità e deficit ................................................................................. pag. 132 3.9.1 Aspetti autoriferiti: cura di sé ed espressione di bisogni/desideri .................... pag. 133 3.9.2 Aspetti potenziali: apprendimento, esplorazione, problem solving, attività motorie e manipolazione ............................................................................................................... pag. 134 3.9.3 Aspetti deficitari: autonomia ai compiti, uso funzionale degli oggetti e narrazione di sé .................................................................................................................................... pag. 137 3.9.4 L‟espressione grafica ........................................................................................... pag. 137 3.10 Conclusioni e riflessioni finali ................................................................................... pag. 142 3.10.1 Analisi delle risposte chiuse ............................................................................. pag. 143 3.10.2 Analisi delle risposte aperte e riflessione conclusiva ...................................... pag. 145 3.10.3 L‟empatia ........................................................................................................... pag. 146 Capitolo 4 Follow-up osservativo: i cambiamenti .................................................. pag. 148 4.1 Follow-up osservativo .................................................................................................. pag. 148 4.1.1 Il processo di individuazione attraverso le fiabe interattive ............................. pag. 149 4.1.2 Discussione: riflessione sulla fiaba, “Baba Yaga e le oche magiche” ............. pag. 151 4.1.3 Discussione: riflessione sulla fiaba, “Imo e il Re” ............................................ pag. 153 4.1.4 Discussione: riflessione sulla fiaba, “Payuta e il Dio delle Tempeste” ........... pag. 155 4.2 Discussione: il disegno libero ...................................................................................... pag. 161 4.3 Discussione: la narrazione di sé ................................................................................... pag. 165 4.4 Riflessioni di chiusura .................................................................................................. pag. 166 Conclusioni finali ......................................................................pag. 172 Riferimenti bibliografici ...........................................................pag. 175 Appendice ..................................................................................pag. 183 Valutazione primo quadrimestre (2009/2010) ............................................................ pag. 183 Valutazione secondo quadrimestre (2009/2010)......................................................... pag. 185 Dettato ragionato (2009-2010) ..................................................................................... pag. 187 Dettato ragionato (periodo ottobre-dicembre 2010) ................................................... pag. 191 Questionario scritto (06/12/2010) ................................................................................ pag. 194 Sintesi ragionata (07/12/2010) ..................................................................................... pag. 195 Tema descrittivo (14/10/2010) ..................................................................................... pag. 196 Questionario semistrutturato ........................................................................................ pag. 197
Indice della tesi: Il sostegno scolastico al preadolescente autistico: studio di un caso, Pagina 1

Indice dalla tesi:

Il sostegno scolastico al preadolescente autistico: studio di un caso

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Adelina Piazzalunga
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Clinica e di Comunità
  Relatore: Gabriella Airenti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 209

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

gruppo
fiaba
relazione
autismo
drammatizzazione
sostegno scolastico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi