Skip to content

Le istituzioni comuni di giustizia penale europea

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
I INDICE CAPITOLO I: Lo sviluppo in itinere del percorso di integrazione in materia penale: dalla cooperazione intergovernativa allo spazio di libertà, di sicurezza e di giustizia……………………………………………………………………………………………………………………………………………………….1 Presentazione……………………………………………………………………………………………………………………………………………….2 Sezione I. Le origini ed i primi sviluppi della cooperazione giudiziaria e di polizia………………………………………….5 1. Una premessa in chiave criminologica………………………………………………………………………………………………………..5 2. Gli ostacoli all’istituzionalizzazione……………………………………………………………………………………….……………………9 3. Il progetto di uno “Spazio giudiziario europeo”…………………………………………………………………………………………11 4. Il Gruppo Trevi…………………………………………………………………………………………………………………………………………14 5. Il programma di apertura delle frontiere interne. L’Atto Unico Europeo……………………………………………………17 Sezione II. Gli accordi di Schengen...................................................................................................................24 1. Premesse di un accordo……………………………………………………………………………………………………………………………24 2. L’accordo del 1985 per la creazione di uno “Spazio di libera circolazione” … …………………………………………….26 2.1. …e la Convenzione di applicazione del 1990……………………………………………………………..……………………………31 2.2. Il Titolo III CAS: “Polizia e Sicurezza”. La cooperazione giudiziaria e di polizia nel quadro degli Accordi di Schengen…………………………………………………………………………………………………………………………………….………………34 2.3. L’assistenza giudiziaria penale come fondamento di uno “spazio giudiziario penale” nell’Area Schengen e la collaborazione contro il traffico di stupefacenti (cap. 6), armi da fuoco e munizioni (cap.7) ………………………41 2.4. Il sistema di informazione Schengen (SIS)………………………………………………………………………………………………44 Sezione III. Il Trattato di Maastricht: la cooperazione in materia di giustizia e affari interni………………………50 1. La struttura a pilastri e le nuove metodiche di cooperazione……………………………………………………………………50 2. Un pilastro a “trazione intergovernativa”: il settore della giustizia e degli affari interni………………………..……52 2.1. Il quadro istituzionale disciplinato dal Titolo VI TUE……………………………………………………………….………………54 2.2. Le misure adottabili nella cooperazione in materia di sicurezza interna…………………………………………………58 2.3. Il “bilancio” di Maastricht………………………………………………………………………………………………………………………62 II Sezione IV. Da Amsterdam al programma dell’Aja: l’evoluzione della cooperazione in materia penale “a cavallo” tra il vecchio ed il nuovo millennio…………………………………………………………………………………………………64 1. Il Trattato di Amsterdam ed il “nuovo” terzo pilastro dell’Unione Europea………………………………………….……64 1.1.Gli strumenti normativi nel “terzo pilastro” riformato……………………………………………………………………………68 1.2. I profili istituzionali nel Titolo VI e le competenze della Corte di Giustizia……………………….………………………70 2. L’integrazione degli Accordi di Schengen……………………………………………………………………….…………………………74 3. Il ricorso alle cooperazioni rafforzate……………………………………………………………….………………………………………76 4. Dal Trattato di Nizza al revirement sul Trattato costituzionale… “via” 11 settembre 2001. “L’alba” di Lisbona……………………………………………………………………………………………….………………………………………………………78 Sezione V. Il Trattato di Lisbona………………………………………………………………………………………………………………….85 1. Lo spazio di libertà, di sicurezza e di giustizia………………………………………………………….…………………………………85 1.2. Il superamento della struttura “a pilastri” ed il riformato contesto istituzionale………………………….…………88 1.3. Le fonti dell’Unione Europea e gli strumenti normativi deputati (anche) alla realizzazione dello spazio di libertà, sicurezza e giustizia…………………………………………………………………………………………………….……………………94 1.4. I meccanismi decisionali. La procedura legislativa ordinaria e la procedura legislativa speciale……….……101 1.5. (Segue). La procedura di Emergency brake e la cooperazione rafforzata………………………………………………110 BIBLIOGRAFIA DEL CAPITOLO I……………………………………………………………………………………………………..……………113 GIURISPRUDENZA DEL CAPITOLO I………………………………………………………………………………………………….…………121 CAPITOLO 2: Il principio del riconoscimento reciproco come fondamento dell’integrazione e l’armonizzazione delle legislazioni in materia penale tra gli Stati dell’Unione europea……………….124 Presentazione……………………………………………………………………………………………………………………………………………124 1. Il mutuo riconoscimento: la conditio sine qua non della cooperazione in materia penale…………..……………125 2. La longa manus del mutuo riconoscimento. Il ne bis in idem ed il superamento dei conflitti di giurisdizione tra gli Stati dell’Unione………………………………………………………………………………………………………………………………128 2.1. Ne bis in idem………………………………………………………………………………………………………………..……………………131 III 2.2. I conflitti di giurisdizione………………………………………………………………………………..……………………………………134 3. I percorsi della cooperazione e della integrazione europea: Il diritto penale processuale… ……………..……138 3.1. … e sostanziale……………………………………………………………………………………………………………………………………144 4. I crimini a vocazione transnazionale: il terrorismo, la criminalità organizzata, il traffico di esseri umani, il traffico di sostanze stupefacenti…………………………………………………………………………………………..……………………147 4.1. Il terrorismo (Non praevalebunt)…………………………………………………………………………………………………………148 4.2. La criminalità organizzata……………………………………………………………………………………………………………………157 4.3. La tratta di esseri umani………………………………………………………………………………………………………………………162 4.4. Il traffico di stupefacenti……………………………………………………………………………..………………………………………171 BIBLIOGRAFIA DEL CAPITOLO II……………………………………………………………………………………….…………………………181 GIURISPRUDENZA DEL CAPITOLO II……………………………………………………………………………………………………………184 CAPITOLO 3: Gli attori della cooperazione europea: le istituzioni comuni di giustizia penale……..187 Presentazione……………………………………………………………………………………………………………………………………………187 Sezione I. I soggetti della cooperazione giudiziaria in materia penale………………………………….……………………189 1. Premessa……………………………………………………………………………………………………………………………….………………189 2. Il magistrato di collegamento…………………………………………………………………………………………………………………189 3. La rete giudiziaria europea………………………………………………………………………….…………………………………………192 3.1. I rapporti della rete giudiziaria europea con Eurojust……………………………………………………..……………………195 4. L’Olaf, l’Office européen de Lutte Anti-Fraude…………………………………………………………………………………………199 4.1. La funzione amministrativa ed i poteri investigativi………………………………………………………..……………………202 4.2. I rapporti dell’Olaf con le autorità giudiziarie nazionali, con Eurojust e con Europol………………………………208 IV 5.Eurojust…………………………………………………………………………….……………………………………………………………………212 5.1. L’àmbito di competenza e le funzioni……………………………………………………………………………………..……………215 5.2. Le modifiche stante la decisione 2009/426/GAI……………………………..……………………………………………………222 6. La Procura europea…………………………………………………………………………..……………………………………………………238 6.1. La proposta di regolamento per l’istituzione dell’ufficio del Pubblico ministero europeo………..……………240 Sezione II. I soggetti e le metodiche della cooperazione di polizia………………………………………………………….…251 1. Il Trattato di Lisbona………………………………………………………………………………………………………………………………251 2. Lo scambio di intelligence tra le autorità di polizia………………………………………………………….………………………254 2.1. La decisione 2008/615/GAI, che recepisce il Trattato di Prüm. Il “principio di disponibilità delle informazioni”……………………………………………………………………………………………………………………………….……………260 2.2. Interpol (cenni)……………………………………………………………………………………………………………………………………267 3. Un modulo operativo della cooperazione transfrontaliera: le squadre investigative comuni…………..………271 4. Europol……………………………………………………………………………………………………….…………………………………………278 4.1. Il sistema di informazione dell’ufficio europeo di polizia………………………………………………………………………286 Conclusioni……………………………………………………………………………………………………………………….………………………291 BIBLIOGRAFIA DEL CAPITOLO III…………………………………………………………………………………………………………………295 GIURISPRUDENZA DEL CAPITOLO III……………………………………………………………………………..……………………………300 APPENDICE NORMATIVA SUI PRINCIPALI ATTI DELLA COOPERAZIONE GIUDIZIARIA IN MATERIA PENALE…..301 APPENDICE NORMATIVA SUI PRINCIPALI ATTI DELLA COOPERAZIONE DI POLIZIA IN MATERIA PENALE………311
Indice della tesi: Le istituzioni comuni di giustizia penale europea, Pagina 1

Indice dalla tesi:

Le istituzioni comuni di giustizia penale europea

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Tenca
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Mario Deganello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 325

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

trattato di amsterdam
trattato di maastricht
europol
spazio di libertà, sicurezza e giustizia
eurojust
olaf
trattato di lisbona
accordi di schengen
procura europea
cooperazione giudiziaria in materia penale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi