Skip to content

La riforma dei reati di corruzione nella tutela della Pubblica Amministrazione

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 SOMMARIO CAPITOLO I CORRUZIONE: EVOLUZIONE STORICA, DIMENSIONE CRIMINOLOGICA, MODELLI DI TUTELA 1. Premessa ...................................................................................................................................................... 9 2. La corruzione in Italia ................................................................................................................................ 9 2.1 Profili quantitativi del fenomeno corruttivo .......................................................................... 13 3. Le forme di manifestazione della corruzione....................................................................................... 20 3.1 La corruzione burocratica e la corruzione politica ................................................................ 21 3.2 La corruzione pulviscolare, strutturale, individuale... ........................................................... 22 3.3 (segue) ...e sistemica. .................................................................................................................. 23 3.3.1 Il mutamento del pactum sceleris nell'ambito della corruzione sistemica..................... 25 3.3.2 Il mutamento della dimensione offensiva del fenomeno corruttivo operato dalla corruzione sistemica ............................................................................................................................... 27 4. Modelli astratti di tutela: disvalore nell'atto o nel patto ..................................................................... 29 5. Modelli concreti di tutela......................................................................................................................... 33 5.1 Evoluzione storica dei reati di corruzione e concussione .................................................... 34 5.1.1 Il codice Zanardelli ............................................................................................................ 36 5.1.2 Il codice Rocco .................................................................................................................. 38 5.2 Cenni ai modelli di tutela stranieri ........................................................................................... 42 CAPITOLO II GENESI DI UNA RIFORMA: LA L.190 DEL 2012 1. Premessa .................................................................................................................................................... 49 2. La riforma del 1990 e l'assetto di tutela prodotto nei delitti di concussione e corruzione ........... 49 2.1 La concussione............................................................................................................................ 51 2.2 La corruzione .............................................................................................................................. 56 2.2.1 La corruzione impropria .................................................................................................. 58 2.2.2 La corruzione propria e la corruzione in atti giudiziari ............................................... 60 2.2.3 L'istigazione alla corruzione ............................................................................................. 64 3. La proposta di riforma “Mani pulite” ................................................................................................... 68 4. Le convenzioni internazionali sulla corruzione ................................................................................... 74 4.1 Le disposizioni repressive previste nelle convenzioni sottoscritte dall'Italia. Le qualifiche soggettive,… ............................................................................................................................................ 77 4.1.1 … (segue) gli obblighi concernenti corruzione e concussione … ............................. 78 4.1.2 … (segue) il traffico di influenze e la responsabilità delle persone giuridiche. ....... 81 6 5. L'attuazione degli obblighi internazionali ............................................................................................. 83 6. Effettività della tutela e limiti della disciplina ...................................................................................... 89 7. Le raccomandazioni ricevute dall'Italia: il piano preventivo e quello repressivo ........................... 92 8. La legge 190/2012: l'Iter parlamentare e … ........................................................................................ 93 8.1 (segue) … la disciplina ............................................................................................................... 94 CAPITOLO III LE DISPOSIZIONI AMMINISTRATIVE A CARATTERE SANZIONATORIO 1. Premessa .................................................................................................................................................. 101 2. L'inconferibilità degli incarichi dirigenziali conseguente a condanne per i reati contro la p.a . . 102 3. I divieti per i condannati ....................................................................................................................... 104 4. L'incandidabilità e la decadenza dalle cariche elettive e di governo ............................................... 105 5. Piani e responsabile anticorruzione ..................................................................................................... 109 6. La tutela per le denunce di corruzione (il c.d. whistleblowing) ...................................................... 111 CAPITOLO IV LA CONCUSSIONE E L'INDUZIONE INDEBITA 1. Premessa .................................................................................................................................................. 115 2. La concussione (317 c.p.) ...................................................................................................................... 118 2.1 L'esclusione dell'incaricato di pubblico servizio dal novero dei soggetti attivi .............. 120 3. L'induzione indebita a dare o promettere utilità (art. 319 quater) .................................................. 123 3.1 La punibilità del privato indotto ............................................................................................ 123 3.2 La condotta: elemento oggettivo e soggettivo ..................................................................... 126 4. Profili di diritto intertemporale ............................................................................................................ 129 5. La distinzione tra il delitto di induzione indebita e quello di concussione ................................... 131 5.1. Il primo orientamento giurisprudenziale: il criterio “dell'intensità della pressione”. .. 133 5.2 Il secondo orientamento giurisprudenziale: il criterio “oggettivo-giuridico” ................. 136 5.3 Il terzo orientamento giurisprudenziale: il “criterio sincretico” ....................................... 139 5.4 La pronuncia delle Sezioni Unite. .......................................................................................... 140 6. La distinzione tra il delitto di induzione indebita e le fattispecie di corruzione ........................... 144 CAPITOLO V LA CORRUZIONE PER L'ESERCIZIO DELLA FUNZIONE 1. Premessa: il modello di tutela sviluppatosi anteriormente alla riforma ......................................... 149 2. La riforma dell'articolo 318: notazioni preliminari ........................................................................... 152 7 3. L'elemento oggettivo della fattispecie: i soggetti attivi e il pactum sceleris ........................................ 155 3.1 La prestazione del soggetto pubblico: l'esercizio delle funzioni o dei poteri.................. 156 3.1.1 Corruzione per l'esercizio della funzione e corruzione propria: delimitazione reciproca degli ambiti di applicazione ............................................................................................... 157 3.2 La prestazione del privato e la proporzionalità della stessa: il problema dei donativi . 161 3.3 La corruzione per la funzione susseguente .......................................................................... 164 4. L'elemento soggettivo e momento consumativo .............................................................................. 165 5. Profili di diritto intertemporale ............................................................................................................ 166 6. L'adeguamento della fattispecie di istigazione al nuovo contenuto dell'articolo 318 c.p. ....... .. 168 7. Conclusioni .............................................................................................................................................. 170 CAPITOLO VI IL TRAFFICO DI INFLUENZE ILLECITE 1. Premessa: obblighi internazionali e millantato credito .................................................................... 171 2. La nuova fattispecie ............................................................................................................................... 174 3. La struttura del reato .............................................................................................................................. 176 3.1 I soggetti e lo sfruttamento delle relazioni esistenti ............................................................ 179 3.2 La dazione e la promessa ........................................................................................................ 180 3.3 L'attività di mediazione e la remunerazione ......................................................................... 182 3.4 Dolo ............................................................................................................................................ 183 3.5 Momento consumativo e tentativo........................................................................................ 184 4. Natura sussidiaria del reato e rapporti con le altre fattispecie ......................................................... 185 4.1 Il rapporto con il millantato credito ...................................................................................... 185 4.2 Il rapporto con le fattispecie di corruzione e con gli altri reati ......................................... 189 5. Le circostanze ed il trattamento sanzionatorio .................................................................................. 192 6. Profili di diritto intertemporale ............................................................................................................ 194 CAPITOLO VII POLITICHE PUNITIVE 1. Il generale aumento delle pene ......................................................................................................... 197 2. Le modifiche in tema di pene accessorie......................................................................................... 200 3. Le modifiche in tema di confisca: l'art. 322 ter .............................................................................. 201 4. Ulteriori modifiche ............................................................................................................................. 202 5. Il raccordo con la disciplina della responsabilità degli enti (cenni) ............................................. 203 8 CAPITOLO VIII CONSIDERAZIONI CONLUSIVE SULLA L. 190/2012 E PROSPETTIVE DI RIFORMA 1. Una valutazione complessiva sulla l. 190 del 2012............................................................................ 207 2. I limiti del sistema riformato ................................................................................................................ 209 2.1 La mancata riforma della prescrizione .................................................................................. 209 2.2 La mancata revisione dei reati sentinella della corruzione ................................................. 210 2.3 Il mancato inserimento di norme premiali ........................................................................... 210 3. Le nuove proposte di riforma in materia di corruzione ................................................................... 211 4. Conclusioni.............................................................................................................................................. 215 BIBLIOGRAFIA ....................................................................................................................................... 216
Indice della tesi: La riforma dei reati di corruzione nella tutela della Pubblica Amministrazione, Pagina 1

Indice dalla tesi:

La riforma dei reati di corruzione nella tutela della Pubblica Amministrazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ludovico Bosso
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Marco pelissero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 224

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

corruzione
concussione
induzione indebita
riforma severino
l. 190/2012
corruzione per l'esercizio della funzione
318 c.p.
traffico di influenze
319 c.p.
319 quater c.p.

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi