Skip to content

I diritti umani nei rapporti tra l'ordinamento statale e la CEDU. Il contesto delle carceri in Italia: una questione di legalità

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Sommario INTRODUZIONE .......................................................................................................... 5 Capitolo 1 I DIRITTI FONDAMENTALI IN EUROPA: RAPPORTI TRA ORDINAMENTI INTERNI E SISTEMA CEDU I. Gli ordinamenti europei dopo la seconda guerra mondiale e la necessità di porre la persona al centro delle Costituzioni nazionali e dei rapporti interstatali e sovrastatali ............................................................................................ ...................................................................................................................................... 8 II. La Redazione della Convenzione europea dei diritti dell’uomo da parte dei primi Paesi membri del Consiglio d’Europa e il dialogo giurisprudenziale delle due Corti europee a sostegno della futura adesione dell’UE alla CEDU .................................................................................................. 15 II.1. Il difficile percorso di adesione dell’Unione Europea alla CEDU ................... 18 II.2. Nuovi scenari giuridici dopo la proclamazione della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea.......................................................................... 22 II.3. Il ruolo della Corte europea dei diritti dell’uomo come custode del sistema CEDU. La prima vera sfida dei giudici: allargamento a Est del Consiglio d’Europa post-1989 ................................................................................................................. 32 II.4. Il cammino della Corte di Strasburgo: un percorso in ascesa. Dalla “preoccupazione di sopravvivenza” alle “sentenze pilota” ..................................... 37 III. Incorporazione del sistema CEDU nell’ordinamento italiano. Il silenzio costituzionale dell’Italia ........................................................................................ 43 III.1. Equiparazione della CEDU alla legge ordinaria e giurisprudenza interpretativa-integrativa della Corte costituzionale .............................................. 44 III.2. Le sentenze gemelle della Corte a seguito della riforma costituzionale del 2001 ................................................................................................................................. 47 2 III.3. Il richiamo al criterio della “protezione più estesa” e “margine nazionale di apprezzamento” ....................................................................................................... 51 III.4. Sviluppi recenti sul rapporto CEDU-ordinamento giuridico-statale ............ 55 Capitolo 2 LA QUESTIONE DELLE CARCERI TRA LA GIURISPRUDENZA DELLA CORTE EUROPEA DEI DRITTI DELL’UOMO E L’ORDINAMENTO ITALIANO I. I diritti negli istituti di pena: uno sguardo d’insieme .................................. 62 II. Le pronunce della Corte EDU a seguito dell’accertamento dell’inidoneità delle condizioni detentive. Il sovraffollamento carcerario ............................. 71 II.1. La sentenza Sulejmanovic .............................................................................. 72 II.2. Le obiezioni alla sentenza della Corte EDU ................................................... 74 II.3. La sentenza pilota sul caso Torreggiani: il riconoscimento del sovraffollamento carcerario come problematica strutturale .................................... 77 II.4. Le soluzioni prospettate dalla Corte EDU. Rimedi compensativi e preventivi ... ................................................................................................................................. 80 III. Le reazioni alla sentenza Torreggiani e i moniti della Corte costituzionale ........................................................................................................... 82 III.1. L’intervento della Corte costituzionale: la sentenza 279/2013 ...................... 83 III.2. L’appello di Giorgio Napolitano alle Camere dopo la visita al carcere di Poggio Reale ............................................................................................................ 87 Capitolo 3 GLI INTERVENTI DELLO STATO PER OVVIARE ALLE DRAMMATICHE CONDIZIONI DEGLI ISTITUTI DI DETENZIONE I. Interventi legislativi antecedenti la sentenza Torreggiani ......................... 93 I.1 Il Piano carceri varato nel 2010 ......................................................................... 94 I.2. La legge “svuota carceri” .................................................................................. 95 3 I.3. Decreto-legge 211/2011 .................................................................................... 97 I.4. Il Piano carceri varato nel 2012 e i provvedimenti non conclusi ..................... 99 II. Primi passi (a seguito della sentenza Torreggiani) verso la risoluzione del problema .......................................................................................................... 100 II.1. Legge 94/2013 (conversione del decreto legge 78/2013)................................ 101 II.2. Decreto legge 146/2013 ................................................................................. 104 II.3. Decreto legge 92/2014 (legge di conversione: 117/2014) .............................. 109 II.4. Depenalizzazione e abrogazione dei reati (d.lgs. 7/2016 e 8/2016) ............... 113 III. Due casi di specie nella giurisprudenza della Corte di Cassazione ..... 116 III.1. Orientamenti della Suprema Corte in tema di abolitio criminis e depenalizzazione .................................................................................................... 116 III. 2. La questione degli arresti domiciliari davanti alle Sezioni Unite della Cassazione ............................................................................................................. 118 IV. La concessione delle misure alternative nella giurisprudenza di merito: una interessante decisione del Tribunale di Sorveglianza di Torino ........ 120 CAPITOLO 4 I DIRITTI E IL CARCERE: UNA QUESTIONE IRRISOLTA I. Il reato di tortura nel panorama internazionale e nella Costituzione ..... .................................................................................................................................. 123 I.1. L’inadempimento dell’ordinamento italiano circa il reato di tortura: la condanna della Corte di Strasburgo e i tentativi (vani) di intervento .................. 126 I.2. L’art. 41 bis dell’ordinamento penitenziario: una misura ai limiti della costituzionalità (e convenzionalità) ...................................................................... 132 II. Le identità nelle carceri ................................................................................... 137 II.1. Le donne ......................................................................................................... 139 II.2. Gli stranieri: una percentuale in crescita ...................................................... 142 II.3. I minori .......................................................................................................... 147 4 III. Tutela della salute per i soggetti che vivono in condizioni di “restrizioni di libertà”. Un diritto universale .................................................. 150 IV. La giustizia riparativa .................................................................................... 155 CONCLUSIONI ......................................................................................................... 158 BIBLIOGRAFIA ......................................................................................................... 163
Indice della tesi: I diritti umani nei rapporti tra l'ordinamento statale e la CEDU. Il contesto delle carceri in Italia: una questione di legalità, Pagina 1

Indice dalla tesi:

I diritti umani nei rapporti tra l'ordinamento statale e la CEDU. Il contesto delle carceri in Italia: una questione di legalità

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sara De Fazio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Scienze delle Pubbliche Amministrazioni
  Corso: Scienze delle Pubbliche Amministrazioni
  Relatore: Giampaolo Gerbasi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 173

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi