Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Integrazione delle tecniche di imaging in ambiente ospedaliero Intranet

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze dell'informazione

Autore: Marco Ricci Contatta »

Composta da 249 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2014 click dal 26/10/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile solo in CD-ROM.

 

 

L'indice di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

<br/><b>INTRODUZIONE </b> <br/> <br/><b>CAP.0 PIANIFICAZIONE ARCHITETTURA RETE OSPEDALIERA: </b> <br/> <br/><b>0.1 SCELTA DELL'ARCHITETTURA </b> <br/> 0.1.1 Sottosistemi dipartimentali <br/> 0.1.2 Integrazione tra il sistema DIS ed il sistema HIS<br/> 0.1.3 Pianificazione richieste interne e creazione (worklist) per diagnostica <br/> 0.1.4 Prenotazione, accettazione, esecuzione e refertazione degli esami<br/> 0.1.5 Riepiloghi e statistiche <br/> 0.1.6 Funzioni di ricerca nell'archivio storico<br/> 0.1.7 Altre funzioni gestionali <br/> 0.1.8 PACS - Picture Archive and Communication System <br/> 0.1.9 Modalit&agrave; di lavoro sulle workstation<br/> 0.1.10 Prescrizioni di workflow <br/> 0.1.11 Flusso dei dati in ambito ospedaliero <br/> 0.1.12 Sistema Informativo Ospedaliero (HIS) <br/> <br/><b>0.2 I FORMATI STANDARD PER IMMAGINI BIOMEDICHE </b> <br/> 0.2.1 Struttura File di Immagini Biomediche<br/> <br/><b>CAP.1 IHE: INTEGRATING THE HEALTHCARE ENTERPRISE </b> <br/> <br/><b>1.1 RELAZIONI CON GLI STANDARD</b> <br/> <br/><b>1.2 RELAZIONI CON LE ARCHITETTURE REALI</b> <br/> <br/><b>1.3 IL GENERICO MODELLO DI TRANSAZIONE IHE (IHE TRANSACTION MODEL) </b> <br/> <br/><b>CAP.2 DICOM: IL FORMATO DICOM ED IL SUO SCOPO</b> <br/> <br/><b>2.1 DICOM: LA STORIA</b> <br/> 2.1.1 Cronologia della evoluzione di DICOM: <br/> <br/><b>2.2 DICOM: LA STRUTTURA. </b> <br/> 2.2.1 Struttura dei Documenti <br/> 2.2.2 UID: Unique Identificator<br/> 2.2.3 Modello di informazione DICOM. <br/> 2.2.4 Struttura del messaggio. <br/> <br/><b>2.3 I WORKING GROUPS </b> <br/> 2.3.1 Ambito del Comitato Standard DICOM <br/> <br/><b>2.4 DOMINIO DEL PROBLEMA. </b> <br/> 2.4.1 Utilizzo dei DIMSE-services <br/> <br/><b>2.5 ATTRIBUTI DELLE CLASSI</b> <br/> <br/><b>2.6 FLUSSO INFORMATIVO. </b> <br/> <br/><b>2.7 OGGETTI COME ESTENSIONI DELLO STANDARD DICOM</b> <br/> 2.7.1 IOD per la modalit&agrave; CR/DDR <br/> 2.7.2 IOD per la modalit&agrave; CT (Computed Tomography) <br/> 2.7.3 IOD per la modalit&agrave; PET (Positron Emission Tomography) <br/> 2.7.4 IOD per la modalit&agrave; MR (Magnetic Resonance)<br/> 2.7.4.1 Enhanced MR <br/> 2.7.4.2 Descrizione globale del progetto enhanced MR <br/> 2.7.4.2.1 Nuovi IODs <br/> 2.7.4.2.2 Attributi nuovi o ridefiniti per immagini MR e nuove condizioni<br/> 2.7.4.2.3 Informazione colore per immagini funzionali <br/> 2.7.4.2.4 Multi-frame<br/> 2.7.5 IOD per la modalit&agrave; RT (Radio Therapy) <br/> 2.7.6 IOD per la modalit&agrave; NM (Nuclear Medicine) <br/> 2.7.7 IOD per la modalit&agrave; XA (X-Ray Angiography)<br/> 2.7.8 IOD per la modalit&agrave; XRF (Radio Fluoroscopy) <br/> 2.7.9 IOD per la modalit&agrave; SC (vedi Secondary Capture) <br/> <br/><b>2.8 SICUREZZA IN DICOM</b> <br/> 2.8.1 DICOM and Security <br/> 2.8.2 DICOM Media Security <br/> 2.8.3 Dimostrazione di sicurezza DICOM <br/> 2.8.3.1 Collegamenti di trasporto Sicuri e Firme Digitali <br/> 2.8.3.2 La dimostrazione <br/> 2.8.4 Background tecnico. <br/> 2.8.5 Autenticazione e crittografia dei messaggi<br/> 2.8.6 Supplemento 31 (DICOM Security Enhancements One)<br/> 2.8.7 Uso di collegamenti di trasporto DICOM sicuri<br/> 2.8.8 WORKING GROUP di Sicurezza DICOM. <br/> <br/><b>2.9 DICOM STRATEGIC DIRECTION FOR IMAGE DISTRIBUTION (LINK PDF) - (DIREZIONE STRATEGICA PER LA DISTRIBUZIONE DELLE IMMAGINI) </b> <br/> <br/><b>2.10 RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD </b> <br/> <br/><b>2.11 ARCHITETTURA -OLTRE DICOM </b> <br/> <br/><b>2.12 DICOM: CONCLUSIONI </b> <br/> <br/><b>CAP.3 HL7 (HEALTH LEVEL SEVEN) </b> <br/> <br/><b>3.1 HL7 VERSIONE 3 - IL REFERENCE INFORMATION MODEL (RIM) </b> <br/> <br/><b>3.2 I TEMPLATES (MODELLI) </b> <br/> <br/><b>3.3 SICUREZZA IN HL7 </b> <br/> <br/><b>3.4 NUOVE INIZIATIVE ED INIZIATIVE IN CORSO</b> <br/> </b>3.4.1 HIPAA<br/> <br/><b>3.5 XML </b> <br/> 3.5.1 Specifiche : Lo Standard di Messaggistica: HL7 Versione 3.0 <br/> 3.5.2 Il SIG HL7 XML <br/> <br/><b>3.6 VERSO UN RECORD MEDICO UNIVERSALE</b> <br/> </b>3.6.1 ALCUNI ESEMPI <br/> <br/><b>3.7 HL7 PATIENT RECORD ARCHITECTURE (PRA)</b> <br/> 3.7.1 Architettura del Record Paziente (PRA) <br/> 3.7.2 HL7 XML: La dimostrazione della HIMSS <br/> 3.7.2.1 Modo Sanit&agrave; Clinica Evoluta (Enhanced Clinical Care Scenario) <br/> 3.7.2.2 Modo Deposito Archiviazione (Repository scenario)<br/> 3.7.2.3 Modo Laboratorio (Lab scenario) <br/> <br/><b>3.8 SCELTE FUTURE : AZIONI PER L' NHS</b> <br/> <br/><b>CAP.4 APPENDICE A - HL7: APPROFONDIMENTI </b> <br/> <br/><b>4.1 APPROFONDIMENTI SU HL7 : LE VERSIONI PRECEDENTI</b> <br/> <br/><b>CAP.5 APPENDICE B - DICOM: APPROFONDIMENTI SULLO STANDARD </b> <br/> <br/><b>5.1 FORMATO DI FILE DICOM 3.0</b> <br/> <br/><b>5.1.1 CARATTERISTICHE INNOVATIVE</b> <br/> <br/><b>5.1.2 LA STRUTTURA </b> <br/> <br/><b>5.1.2.1 IL MODELLO ENTITY - RELATIONSHIP</b> <br/> <br/><b>5.1.2.2 IL CONCETTO DI ''INFORMATION OBJECT CLASS'' </b> <br/> 5.1.2.2.1 Basic Worklist Management Service Class<br/> 5.1.3 DICOM Data Set<br/> <br/><b>5.2 IL PROBLEMA DELLA CONFORMITA'</b> <br/> <br/><b>5.2.1 LE GUIDELINES DELL'ACR-NEMA. </b> <br/> <br/><b>5.2.2 DICOM INTEROPERABILITY</b> <br/> <br/><b>5.2.3 DICOM INTERCONNECTIVITY </b> <br/> <br/><b>5.2.4 PARTI COMPONENTI LE GUIDELINES</b> <br/> <br/><b>5.2.5 RESTRIZIONI ALL'INTERCONNECTIVITY TESTING </b> <br/> <br/><b>5.3 CONFORMANCE STATEMENT: UNA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA'</b> <br/> 5.3.1 Propositi del Conformance Statement<br/> 5.3.2 Requisiti di un Conformance Statement <br/> 5.3.3 Convenzioni<br/> <br/><b>5.3.4 CONFORMANCE STATEMENT: SINTASSI </b> <br/> 5.3.4.1 Modello Implementativo <br/> 5.3.4.2 Specifiche delle Application Entities <br/> <br/><b>5.4 L'OBIETTIVO: VERIFICARE LA CONFORMITA'. </b> <br/> <br/><b>CAP.6 APPENDICE C -SICUREZZA - X12 </b> <br/> <br/><b>6.1 X12 </b> <br/> <br/><b>6.2 GLOSSARIO SICUREZZA </b> <br/> <br/><b>CAP.7 APPENDICE D - HCM (UK HEALTHCARE MODEL)</b> <br/> <br/><b>7.1 CONFRONTO TRA LA VERSIONE RIM 0-100 ED HCM VERSIONE 1 </b> <br/> <br/><b>7.2 RIFORMA DELL'ASSICURAZIONE SANITARIA HIPAA </b> <br/> <br/><b>7.3 SEMPLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA HIPAA</b> <br/> <br/><b>CAP.8 APPENDICE E - XML</b> <br/> <br/><b>8.1 XML - EXTENSIBLE MARKUP LANGUAGE:</b> <br/> 8.1.1 Perch&eacute; XML <br/> 8.1.2 Origini ed Obiettivi <br/> 8.1.3 XML Registry e Repository <br/> <br/><b>8.2 DOM </b> <br/> 8.2.1 Che cos'&egrave; il Document Object Model (DOM)? <br/> 8.2.2 Perch&eacute; il Document Object Model (DOM)? <br/> <br/><b>8.3 DIALETTI XML </b> <br/> <br/><b>8.4 ELECTRONIC BUSINESS XML INITIATIVE (EBXML)</b> <br/> <br/><b>8.5 XML CONCLUSIONI</b> <br/> <br/><b>CAP.9 APPENDICE F - APPROFONDIMENTI ED AZIENDE </b> <br/> <br/><b>CAP.10 GLOSSARIO </b> <br/> <br/><b>CAP.11 BIBLIOGRAFIA </b> <br/>

Indice della Tesi di Marco Ricci

Indice della tesi: Integrazione delle tecniche di imaging in ambiente ospedaliero Intranet, Pagina 1