Skip to content

Integrazione delle tecniche di imaging in ambiente ospedaliero Intranet

Gratis L'indice di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
<br/><b>INTRODUZIONE </b> <br/> <br/><b>CAP.0 PIANIFICAZIONE ARCHITETTURA RETE OSPEDALIERA: </b> <br/> <br/><b>0.1 SCELTA DELL'ARCHITETTURA </b> <br/> 0.1.1 Sottosistemi dipartimentali <br/> 0.1.2 Integrazione tra il sistema DIS ed il sistema HIS<br/> 0.1.3 Pianificazione richieste interne e creazione (worklist) per diagnostica <br/> 0.1.4 Prenotazione, accettazione, esecuzione e refertazione degli esami<br/> 0.1.5 Riepiloghi e statistiche <br/> 0.1.6 Funzioni di ricerca nell'archivio storico<br/> 0.1.7 Altre funzioni gestionali <br/> 0.1.8 PACS - Picture Archive and Communication System <br/> 0.1.9 Modalit&agrave; di lavoro sulle workstation<br/> 0.1.10 Prescrizioni di workflow <br/> 0.1.11 Flusso dei dati in ambito ospedaliero <br/> 0.1.12 Sistema Informativo Ospedaliero (HIS) <br/> <br/><b>0.2 I FORMATI STANDARD PER IMMAGINI BIOMEDICHE </b> <br/> 0.2.1 Struttura File di Immagini Biomediche<br/> <br/><b>CAP.1 IHE: INTEGRATING THE HEALTHCARE ENTERPRISE </b> <br/> <br/><b>1.1 RELAZIONI CON GLI STANDARD</b> <br/> <br/><b>1.2 RELAZIONI CON LE ARCHITETTURE REALI</b> <br/> <br/><b>1.3 IL GENERICO MODELLO DI TRANSAZIONE IHE (IHE TRANSACTION MODEL) </b> <br/> <br/><b>CAP.2 DICOM: IL FORMATO DICOM ED IL SUO SCOPO</b> <br/> <br/><b>2.1 DICOM: LA STORIA</b> <br/> 2.1.1 Cronologia della evoluzione di DICOM: <br/> <br/><b>2.2 DICOM: LA STRUTTURA. </b> <br/> 2.2.1 Struttura dei Documenti <br/> 2.2.2 UID: Unique Identificator<br/> 2.2.3 Modello di informazione DICOM. <br/> 2.2.4 Struttura del messaggio. <br/> <br/><b>2.3 I WORKING GROUPS </b> <br/> 2.3.1 Ambito del Comitato Standard DICOM <br/> <br/><b>2.4 DOMINIO DEL PROBLEMA. </b> <br/> 2.4.1 Utilizzo dei DIMSE-services <br/> <br/><b>2.5 ATTRIBUTI DELLE CLASSI</b> <br/> <br/><b>2.6 FLUSSO INFORMATIVO. </b> <br/> <br/><b>2.7 OGGETTI COME ESTENSIONI DELLO STANDARD DICOM</b> <br/> 2.7.1 IOD per la modalit&agrave; CR/DDR <br/> 2.7.2 IOD per la modalit&agrave; CT (Computed Tomography) <br/> 2.7.3 IOD per la modalit&agrave; PET (Positron Emission Tomography) <br/> 2.7.4 IOD per la modalit&agrave; MR (Magnetic Resonance)<br/> 2.7.4.1 Enhanced MR <br/> 2.7.4.2 Descrizione globale del progetto enhanced MR <br/> 2.7.4.2.1 Nuovi IODs <br/> 2.7.4.2.2 Attributi nuovi o ridefiniti per immagini MR e nuove condizioni<br/> 2.7.4.2.3 Informazione colore per immagini funzionali <br/> 2.7.4.2.4 Multi-frame<br/> 2.7.5 IOD per la modalit&agrave; RT (Radio Therapy) <br/> 2.7.6 IOD per la modalit&agrave; NM (Nuclear Medicine) <br/> 2.7.7 IOD per la modalit&agrave; XA (X-Ray Angiography)<br/> 2.7.8 IOD per la modalit&agrave; XRF (Radio Fluoroscopy) <br/> 2.7.9 IOD per la modalit&agrave; SC (vedi Secondary Capture) <br/> <br/><b>2.8 SICUREZZA IN DICOM</b> <br/> 2.8.1 DICOM and Security <br/> 2.8.2 DICOM Media Security <br/> 2.8.3 Dimostrazione di sicurezza DICOM <br/> 2.8.3.1 Collegamenti di trasporto Sicuri e Firme Digitali <br/> 2.8.3.2 La dimostrazione <br/> 2.8.4 Background tecnico. <br/> 2.8.5 Autenticazione e crittografia dei messaggi<br/> 2.8.6 Supplemento 31 (DICOM Security Enhancements One)<br/> 2.8.7 Uso di collegamenti di trasporto DICOM sicuri<br/> 2.8.8 WORKING GROUP di Sicurezza DICOM. <br/> <br/><b>2.9 DICOM STRATEGIC DIRECTION FOR IMAGE DISTRIBUTION (LINK PDF) - (DIREZIONE STRATEGICA PER LA DISTRIBUZIONE DELLE IMMAGINI) </b> <br/> <br/><b>2.10 RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD </b> <br/> <br/><b>2.11 ARCHITETTURA -OLTRE DICOM </b> <br/> <br/><b>2.12 DICOM: CONCLUSIONI </b> <br/> <br/><b>CAP.3 HL7 (HEALTH LEVEL SEVEN) </b> <br/> <br/><b>3.1 HL7 VERSIONE 3 - IL REFERENCE INFORMATION MODEL (RIM) </b> <br/> <br/><b>3.2 I TEMPLATES (MODELLI) </b> <br/> <br/><b>3.3 SICUREZZA IN HL7 </b> <br/> <br/><b>3.4 NUOVE INIZIATIVE ED INIZIATIVE IN CORSO</b> <br/> </b>3.4.1 HIPAA<br/> <br/><b>3.5 XML </b> <br/> 3.5.1 Specifiche : Lo Standard di Messaggistica: HL7 Versione 3.0 <br/> 3.5.2 Il SIG HL7 XML <br/> <br/><b>3.6 VERSO UN RECORD MEDICO UNIVERSALE</b> <br/> </b>3.6.1 ALCUNI ESEMPI <br/> <br/><b>3.7 HL7 PATIENT RECORD ARCHITECTURE (PRA)</b> <br/> 3.7.1 Architettura del Record Paziente (PRA) <br/> 3.7.2 HL7 XML: La dimostrazione della HIMSS <br/> 3.7.2.1 Modo Sanit&agrave; Clinica Evoluta (Enhanced Clinical Care Scenario) <br/> 3.7.2.2 Modo Deposito Archiviazione (Repository scenario)<br/> 3.7.2.3 Modo Laboratorio (Lab scenario) <br/> <br/><b>3.8 SCELTE FUTURE : AZIONI PER L' NHS</b> <br/> <br/><b>CAP.4 APPENDICE A - HL7: APPROFONDIMENTI </b> <br/> <br/><b>4.1 APPROFONDIMENTI SU HL7 : LE VERSIONI PRECEDENTI</b> <br/> <br/><b>CAP.5 APPENDICE B - DICOM: APPROFONDIMENTI SULLO STANDARD </b> <br/> <br/><b>5.1 FORMATO DI FILE DICOM 3.0</b> <br/> <br/><b>5.1.1 CARATTERISTICHE INNOVATIVE</b> <br/> <br/><b>5.1.2 LA STRUTTURA </b> <br/> <br/><b>5.1.2.1 IL MODELLO ENTITY - RELATIONSHIP</b> <br/> <br/><b>5.1.2.2 IL CONCETTO DI ''INFORMATION OBJECT CLASS'' </b> <br/> 5.1.2.2.1 Basic Worklist Management Service Class<br/> 5.1.3 DICOM Data Set<br/> <br/><b>5.2 IL PROBLEMA DELLA CONFORMITA'</b> <br/> <br/><b>5.2.1 LE GUIDELINES DELL'ACR-NEMA. </b> <br/> <br/><b>5.2.2 DICOM INTEROPERABILITY</b> <br/> <br/><b>5.2.3 DICOM INTERCONNECTIVITY </b> <br/> <br/><b>5.2.4 PARTI COMPONENTI LE GUIDELINES</b> <br/> <br/><b>5.2.5 RESTRIZIONI ALL'INTERCONNECTIVITY TESTING </b> <br/> <br/><b>5.3 CONFORMANCE STATEMENT: UNA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA'</b> <br/> 5.3.1 Propositi del Conformance Statement<br/> 5.3.2 Requisiti di un Conformance Statement <br/> 5.3.3 Convenzioni<br/> <br/><b>5.3.4 CONFORMANCE STATEMENT: SINTASSI </b> <br/> 5.3.4.1 Modello Implementativo <br/> 5.3.4.2 Specifiche delle Application Entities <br/> <br/><b>5.4 L'OBIETTIVO: VERIFICARE LA CONFORMITA'. </b> <br/> <br/><b>CAP.6 APPENDICE C -SICUREZZA - X12 </b> <br/> <br/><b>6.1 X12 </b> <br/> <br/><b>6.2 GLOSSARIO SICUREZZA </b> <br/> <br/><b>CAP.7 APPENDICE D - HCM (UK HEALTHCARE MODEL)</b> <br/> <br/><b>7.1 CONFRONTO TRA LA VERSIONE RIM 0-100 ED HCM VERSIONE 1 </b> <br/> <br/><b>7.2 RIFORMA DELL'ASSICURAZIONE SANITARIA HIPAA </b> <br/> <br/><b>7.3 SEMPLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA HIPAA</b> <br/> <br/><b>CAP.8 APPENDICE E - XML</b> <br/> <br/><b>8.1 XML - EXTENSIBLE MARKUP LANGUAGE:</b> <br/> 8.1.1 Perch&eacute; XML <br/> 8.1.2 Origini ed Obiettivi <br/> 8.1.3 XML Registry e Repository <br/> <br/><b>8.2 DOM </b> <br/> 8.2.1 Che cos'&egrave; il Document Object Model (DOM)? <br/> 8.2.2 Perch&eacute; il Document Object Model (DOM)? <br/> <br/><b>8.3 DIALETTI XML </b> <br/> <br/><b>8.4 ELECTRONIC BUSINESS XML INITIATIVE (EBXML)</b> <br/> <br/><b>8.5 XML CONCLUSIONI</b> <br/> <br/><b>CAP.9 APPENDICE F - APPROFONDIMENTI ED AZIENDE </b> <br/> <br/><b>CAP.10 GLOSSARIO </b> <br/> <br/><b>CAP.11 BIBLIOGRAFIA </b> <br/>
Indice della tesi: Integrazione delle tecniche di imaging in ambiente ospedaliero Intranet, Pagina 1

Indice dalla tesi:

Integrazione delle tecniche di imaging in ambiente ospedaliero Intranet

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

Disponibile solo in CD-ROM.

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Ricci
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze dell'informazione
  Corso: Scienze dell'Informazione
  Relatore: Alberto Torresin
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 249

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dicom
hl7
imaging
immagini
intranet
ipertesto
ospedaliero
sanitaria
sicurezza comunicazioni
xml

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi