Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La censura nel sistema cinematografico e televisivo. Aspetti legislativi, sociali e giuridici.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Valeria De Rentiis Contatta »

Composta da 443 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6776 click dal 13/04/2005.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'indice di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

<br/><b>PREMESSA </b> <br/> <br/><b>1. LA LIBERTA' DI ESPRESSIONE NEI MEDIA. IL CINEMA E LA TELEVISIONE</b> <br/> 1.1 La censura nello Stato liberale <br/> 1.2 Il ruolo sociale dei media e il diritto all'informazione <br/> 1.3 Il cinema in televisione <br/> 1.4 La disciplina dei rapporti tra cinema e televisione <br/> <br/><b>2. LA LIBERA MANIFESTAZIONE DEL PENSIERO NELLA CINEMATOGRAFIA.</b> <br/> 2.1 La censura cinematografica: l'unico controllo preventivo della manifestazione del pensiero italiano <br/> 2.2 Le radici della censura cinematografica italiana <br/> 2.2.1 La legge 21 aprile 1962, n. 161 <br/> 2.3.1: Il buon costume come parametro di valutazione per la concessione del nulla osta di proiezione <br/> 2.3.2 : Il buoncostume e le manifestazioni privilegiate <br/> 2.3.3 : Il significato di buon costume secondo la dottrina <br/> 2.4: Dalla memoria storica cinematografica: i tagli pi&ugrave; clamorosi <br/> 2.4.1 Il caso: ''Tot&ograve; che visse due volte'' <br/> 2.5 La nuova legislazione in materia di censura cinematografica <br/> 2.6 Il cinema nell'esperienza degli altri Paesi <br/> <br/><b>3. LA LIBERTA' DI ESPRESSIONE IN TELEVISIONE </b> <br/> 3.1 Il ''Codice Guala'' e il moralismo cattolico negli anni 1950/1960 <br/> 3.1.1 Il buon costume come parametro per la censura <br/> 3.1.2 Il Variet&agrave;: scandali e censure <br/> 3.2 La riforma del 1975: pluralismo e diritto all'informazione <br/> 3.3 L'auto censura nella neo televisione <br/> 3.4 Le nuove forme di controllo della libert&agrave; di espressione<br/> <br/><b>4. LA CENSURA NELLA TUTELA DEI MINORI. IL RUOLO DEI MEDIA </b> <br/> 4.1 I doveri dello Stato nel bilanciamento della tutela dei minori e della libert&agrave; di espressione <br/> 4.1.1 La nuova lettura di buon costume connessa alla tutela dei minori <br/> 4.1.2 Tutela dei minori a confronto: cosa avviene negli altri Paesi <br/> 4.2 Codice di Autoregolamentazione Tv e minori <br/> 4.2.1 Legge n. 112 del 3 maggio 2004 <br/> 4.3: La Commissione di Revisione Cinematografica<br/> 4.4: I Co.re.com. e la tutela dei minori <br/> <br/><b>5. LA CENSURA E IL DIRITTO DI SATIRA </b> <br/> 5.1 Diritto di satira, definizione e contenuti <br/> 5.2 Il diritto di satira come diritto fondamentale costituzionale<br/> 5.3 Limiti e problematica del diritto di satira <br/> 5.4 La satira televisiva e la libert&agrave; di espressione <br/> 5.5 La satira politica e la censura <br/> 5.6 Il caso RAIOT programma satirico di Sabina Guzzanti <br/> 5.7 La censura politica <br/> 5.8 Il caso ''Satyricon'' di Daniele Luttazzi <br/> <br/><b>CONCLUSIONI </b> <br/> <br/><b>APPENDICE </b> <br/> <br/><b>BIBLIOGRAFIA </b> <br/> <br/><b>SITOGRAFIA </b> <br/>

Indice della Tesi di Valeria De Rentiis

Indice della tesi: La censura nel sistema cinematografico e televisivo. Aspetti legislativi, sociali e giuridici., Pagina 3