Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Movimenti transfrontalieri di organismi geneticamente modificati: protocollo di Cartagena e norme dell'OMC

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Carlo Maria Vincenzo De Naro Papa Contatta »

Composta da 200 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2426 click dal 27/05/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

L'indice di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

<br/><b>CAPITOLO 1: INTRODUZIONE </b> <br/> 1 Il problema del commercio internazionale degli organismi geneticamente modificati <br/> 2 Il diritto del commercio internazionale: Il General Agreement on Tariffs and Trade (GATT) <br/> 3 (segue) L'Uruguay round e la creazione dell'Organizzazione Mondiale del commercio<br/> 4 (segue) Il WTO: la struttura <br/> 5 (segue) Gli accordi <br/> 6 (segue) I principi alla base del sistema <br/> 7 (segue) Il sistema di risoluzione delle controversie del WTO <br/> 8 Il diritto internazionale dell'ambiente<br/> 9 (segue) Fonti e processo di formazione del diritto internazionale dell'ambiente<br/> 10 Principali differenze tra i due sistemi<br/> <br/><b>CAPITOLO 2: LE ORIGINI DEL PROTOCOLLO DI CARTAGENA E LA SUA DISCIPLINA </b> <br/> 1 La Conferenza delle Nazioni Unite sull'ambiente e lo sviluppo <br/> 2 (segue) La dichiarazione di Rio <br/> 3 (segue) La Agenda 21 <br/> 4 La Convenzione sulla Biodiversit&agrave; <br/> 5 (segue) Le disposizioni sostanziali e la struttura istituzionale <br/> 6 (segue) Le disposizioni della Convenzione relative agli organismi viventi modificati ottenuti con la biotecnologia<br/> 7 Il Protocollo di Cartagena sulla biosicurezza<br/> 8 (segue) Le negoziazioni <br/> 9 (segue) Scopo e campo d'applicazione <br/> 1 (segue) La procedura di previo consenso informato (AIA) <br/> 11 (segue) La procedura per gli organismi viventi modificati destinati all'alimentazione umana, animale o alla lavorazione (LMO-FFPs) <br/> 12 (segue) Procedure semplificate e riesame delle decisioni<br/> 13 (segue) Le relazioni con Paesi che non sono parti contraenti <br/> 14 (segue) La valutazione del rischio <br/> 15 (segue) Il principio di precauzione<br/> 16 (segue) Il ruolo del principio di precauzione e delle considerazioni socio-economiche nella decisione sull'importazione <br/> 17 (segue) L'identificazione del carico contenente LMOs <br/> 18 (segue) I rischi per la salute umana<br/> 19 (segue) Il centro di scambio di informazioni sulla biosicurezza<br/> 20 (segue) La struttura istituzionale ed altre disposizioni rilevanti <br/> 21 (segue) Il rapporto con altre Convenzioni internazionali<br/> <br/><b>CAPITOLO 3: IL WTO E LA TUTELA DELL'AMBIENTE </b> <br/> 1 Introduzione <br/> 2 Il preambolo dell'accordo di Marrakesh che istituisce il WTO <br/> 3 Le regole fondamentali del GATT: la clausola della 'Nazione pi&ugrave; favorita' ed i 'like products'<br/> 4 (segue) Il trattamento nazionale <br/> 5 (segue) Le restrizioni quantitative all'importazione o all'esportazione<br/> 6 L'eccezione ''ambientale'' di cui all'articolo XX del GATT 94 <br/> 7 (segue) Misure necessarie alla protezione della salute e della vita delle persone, degli animali o alla preservazione dei vegetali (art. XX b) <br/> 8 (segue) Misure relative alla conservazione delle risorse naturali esauribili (art. XX g) <br/> 9 (segue) Il preambolo dell'articolo XX <br/> 10 (segue) Conclusioni<br/> 11 Il richiamo al Codex Alimentarius della FAO <br/> 12 (segue) Gli obiettivi del Codex: la tutela della salute del consumatore<br/> 13 (segue) La promozione del commercio internazionale attraverso transazioni commerciali leali <br/> 14 (segue) La struttura istituzionale del Codex e i diversi tipi di standard<br/> 15 Il caso EC - Hormones <br/> 16 L'accordo SPS<br/> 17 (segue) L'oggetto dell'accordo SPS <br/> 18 (segue)Requisiti di legittimit&agrave; delle misure: in particolare, il fondamento scientifico e l'armonizzazione delle normative nazionali<br/> 19 (segue)La valutazione del rischio <br/> 20 (segue)Le misure temporanee dell'articolo 5.7 SPS <br/> 21 (segue)Le condizioni commerciali<br/> 22 L'accordo TBT<br/> 23 Il comitato 'commercio e ambiente' (CTE) <br/> 24 La normativa sugli OGM in Europa e la moratoria <br/> <br/><b>CAPITOLO 4: IL COORDINAMENTO FRA IL PROTOCOLLO ED IL SISTEMA NORMATIVO DEL WTO </b> <br/> 1 Introduzione <br/> 2 Il WTO come ''sistema aperto'' al resto del diritto internazionale <br/> 3 La competenza esclusiva del Dispute Settlement Body in materia di violazione degli accordi WTO <br/> 4 Misure applicative del protocollo di Cartagena come misure compatibili con l'articolo XX del GATT 94 e con gli accordi SPS e TBT <br/> 5 (segue) l'ipotesi in cui entrambi gli Stati siano parti del protocollo di Cartagena <br/> 6 (segue) L'ipotesi in cui uno solo degli Stati sia parte del protocollo di Cartagena <br/> 7 Il ricorso alle norme sui conflitti fra trattati della Convenzione di Vienna <br/> 8 Lo sfruttamento migliore delle procedure previste dal Dispute Settlement Understanding <br/> 9 La concessione di una deroga generale<br/> 10 L'adozione di linee guida sulla relazione tra i MEAs ed il WTO e l'interpretazione ad hoc da parte degli Stati membri <br/> 11 La modifica dell'articolo XX del GATT 94 <br/> 12 Un nuovo accordo relativo ai MEAs<br/> 13 Il ruolo dei MEAs e delle organizzazioni internazionali <br/> 14 Una nuova istituzione esterna al WTO <br/> <br/><b>CONCLUSIONI</b> <br/> <br/><b>Bibliografia</b> <br/> Risorse elettroniche <br/> Abbreviazioni <br/>

Indice della Tesi di Carlo Maria Vincenzo De Naro Papa

Indice della tesi: Movimenti transfrontalieri di organismi geneticamente modificati: protocollo di Cartagena e norme dell'OMC, Pagina 3